“Il grano saraceno contiene nichel!”: incredibile, ecco la verità

Il grano saraceno fa davvero molto bene, ma occorre mangiarlo in modo adeguato.

Cosa accade se mangi troppo grano saraceno

Il grano saraceno è un frumento senza glutine e questo vuol dire che può essere mangiato senza problemi da chi ha particolari intolleranze. Contiene rutina e triptofano che servono a mantenere le ossa sane perché favoriscono l‘assorbimento del calcio e rendono elastica la pelle. La presenza di serotonina permette di prendere serenamente sonno oltre a migliorare l‘umore. Non mancano i sali minerali ma anche lo zolfo. I sali minerali consentono di combattere la ritenzione idrica. È un utile vaso protettore e contrasta la stasi venosa.

Meglio la scelta del grano saraceno biologico perché occorre sempre prestare molta attenzione alla qualità di ciò che acquisti. Va sempre riposto all’interno di un contenitore ermetico per preservarne tutte le caratteristiche. Dopo l‘apertura deve essere conservato in frigo.

Il consumo consigliato è quello di due o tre volte alla settimana. Se si eccede, come per qualunque alimento ovviamente potresti avere dei lievi disturbi. È sempre consigliato seguire una dieta varia che presenti almeno 5 porzioni di frutta e verdura quotidianamente. È un dato importante da tenere a mente perché ogni alimento ha caratteristiche benefiche per l’organismo ma occorre variare. A ciò deve essere associata un’attività fisica praticata con costanza, ovviamente secondo l’età e valutando con il medico cosa fare in presenza di patologie particolari.

La scelta di introdurre nella propria alimentazione il grano saraceno è certamente un ottimo modo per migliorare il tuo menù settimanale, ma devi sempre ricordarti di utilizzare i migliori alimenti indicati dalla dieta mediterranea.

Come mangiare il grano saraceno

Il grano saraceno può essere usato per diverse preparazioni in cucina. Ha un sapore molto particolare, puoi acquistarlo già decorticato e aggiungerlo alle tue insalate. Inoltre, prima di cuocerlo devi sempre lavarlo accuratamente. Aspetta che i chicchi siano ben asciutti per poi tostarli in padella. L’odore, quando è pronto, è simile alla nocciolina. L’acqua calda salta raddoppia il volume del grano saraceno.

Il grano saraceno contiene nichel?

Informarsi sulla presenza o meno del nichel negli alimenti è moto importante se si soffre di allergia a questo metallo pesante, con conseguenze che possono riguardare l’apparato gastrointestinale così come la pelle, attraverso reazioni più o meno intense localizzate in determinate parti del corpo.

Secondo delle tabelle, che si possono trovare tranquillamente su web, il grano saraceno contiene nichel, e anche in quantitativi abbastanza elevati in alcuni casi, quindi se siete allergici al nichel, meglio evitare il grano saraceno, o quanto meno non esagerate nel suo consumo, meglio chiedere un parere medico.