Cause del colesterolo alto: cosa non devi mai mangiare?

158

Il colesterolo alto è una condizione che affligge moltissime persone. Tra i vari cibi consigliati per tenerlo sotto controllo spunta un frutto. Quello del colesterolo alto è un problema veramente molto diffuso, che può determinare diversi problemi alla nostra salute, nei casi più gravi anche la morte. Per questo motivo, è di fondamentale importanza fare sempre dei controlli medici periodicamente. Insomma come strumento di prevenzione.

C’è una differenza sostanziale tra il colesterolo cattivo, definito come “Ldl”, e il colesterolo buono definito “Hdl”. Il colesterolo cattivo ovviamente è quello più pericoloso e per questo motivo dovrebbe essere il più basso possibile. Dunque è di fondamentale importanza mantenerlo nel range più basso possibile. In questo modo riduce il rischio di problemi di salute più gravi come infarto o ictus.

Mantenere sotto controllo i livelli di colesterolo è di fondamentale importanza per la prevenzione di patologie degenerative. Quindi è molto importante eseguire test di screening. Ovvero degli esami medici effettuati con periodicità al fine di curare tempestivamente questa patologia. Per mantenere basso il livello di colesterolo, l’alimentazione e la dieta sono fattori fondamentali.

Cause del colesterolo alto: cosa non devi mai mangiare?

Gli alimenti che mettono più a rischio la nostra salute, a livello della circolazione del sangue, nelle arterie, sono quelli a maggiore contenuto in colesterolo, in grassi saturi, tutte le ricette non semplici ma complesse, abbondanti in condimenti. Si tratta perlopiù di prodotti di origine animale. Ecco un elenco dei cibi da evitare se si soffre di colesterolo alto.

  • Grassi animali: burro, lardo, strutto, panna.
  • Pane confezionato, quasi sempre arricchito con burro o strutto.
  • Frattaglie: fegato, cervello, reni, rognone, cuore per esempio.
  • Affettati e insaccati dato che hanno un elevato tenore in grassi saturi.
  • Latte intero o condensato, yogurt intero, formaggi ad elevato contenuto di grassi.
  • Maionese e altre salse.
  • Superalcolici.

Ci sono poi dei cibi che sono consentiti ma con moderazione, meglio se utilizzati in ricette semplici e leggere, accompagnate con abbondanza di fibre che riducono l’assorbimento del colesterolo, ovvero verdure fresche di stagione, ma anche cereali integrali e frutta fresca, tutti cibi naturalmente privi di colesterolo. I cibi che adesso andremo ad elencare sono alimenti che dovrebbero essere consumati con minima frequenza, meglio non esagerare.

  • Molluschi e crostacei come seppie, polipi, gamberi, ostriche, vongole, cozze, non più di 1 volta ogni 10 giorni, in quanto sono ricchi in colesterolo.
  • Pasta all’uovo, biscotti, brioches e altri prodotti da forno confezionati con uova, massimo 2 a settimana.
  • Uova: massimo 2 uova la settimana.
  • Vino: 1-2 bicchieri alla settimana, meglio se rosso.