Cibi che aumentano il senso di fame: classifica

91

Per dimagrire, ma anche e soprattutto per mangiare meglio e in maniera più sana, dovremmo puntare su quegli alimenti che aiutano il nostro senso di sazietà, ovvero quelli che ci fanno sentire più pieni e che ci evitano così di abbuffarci e di strafogarci quando in realtà il nostro organismo è già soddisfatto.

Ci sono però anche alimenti da evitare, ovvero quelli che, al contrario, aumentano il senso di fame, non ci fanno sentire sazi e di conseguenza ci portano a mangiare sempre di più. Sono soprattutto i cibi pieni di zuccheri, ma non solo. Vediamo quindi quali alimenti bisognerebbe eliminare dalle nostre dispense per evitare che ci inibiscano il senso di sazietà. I cibi che aumentano il senso di fame: quali sono gli alimenti che non ci fanno sentire sazi e che ci portano, così, ad abbuffarci.

Cibi che aumentano il senso di fame: classifica

  1. Bibite gassate e zuccherate sono il primo alimento da togliere dal nostro regime alimentare, non solo se stiamo cercando di dimagrire, ma in generale per tutelare la nostra salute. Oltre ad essere deleterie per lo stomaco e per il sistema cardiocircolatorio, sono pericolose anche perché, appunto, inibiscono il nostro senso di sazietà. Bevendole la nostra glicemia aumenta notevolmente, e dopo circa venti minuti si riduce velocemente, facendoci sentire così nuovamente affamati. Le bibite gassate fanno venire fame quasi immediatamente. Meglio bere sempre acqua naturale, o, in alternativa, un estratto, ma non solo di frutta, anche di verdura, proprio per evitare troppi zuccheri.
  2. Merendine e biscotti da forno industriale sono un nemico della sazietà. Anch’essi sono pieni di zuccheri e farine raffinate e gli zuccheri contenuti fanno lo stesso effetto di quelli delle bibite gassate, perché vanno ad agire direttamente sulla glicemia. Inoltre, questi prodotti, soprattutto quelli non integrali, sono molto poveri di fibre, e le fibre sono proprio quell’elemento che aiuta l’organismo a sentirsi sazio. Per questo al posto delle merendine e dei biscotti da supermercato sarebbe meglio puntare su quelli fatti in casa, preparati con meno zucchero e scegliendo la farina integrale al posto della 00 bianca. Oltre allo zucchero, un altro elemento pericoloso per gli stessi effetti è lo sciroppo di glucosio, che troviamo in moltissimi prodotti preparati, dal ketchup allo yogurt, dalle merendine ai prodotti da forno industriali come i grissini o i cracker. Oltre ad aumentare il senso di fame, lo sciroppo di glucosio agisce sulla produzione della leptina, diminuendola, e scompensa così il metabolismo.
  3. Gomme da masticare. Molti masticano il chewing-gum proprio per bloccare la fame, ma l’effetto è esattamente il contrario. Già, perché masticando a vuoto il nostro cervello viene ingannato, così come il nostro stomaco, che comincia a produrre succhi gastrici come se dovesse digerire qualcosa. Ma lui aspetta questo qualcosa da digerire, e, non trovandolo, ciò che arriva al cervello è un senso di fame improvviso.
  4. Beveroni e barrette dietetiche sostitutivi del pranzo. Spesso questi prodotti ci fanno sentire un immediato senso di sazietà, ma i carboidrati e gli zuccheri contenuti agiscono proprio come dicevamo prima, facendoci sentire fame pochissimo tempo dopo. E, in più, ci danno pochissime calorie, facendoci così sentire poco energici e bisognosi di nutrienti. L’effetto, quindi, può essere il contrario, spingendoci ad abbuffarci a merenda o a cena. Meglio sempre bilanciare in maniera equilibrata tutto, con un pasto fresco e sano.