Il burro si può congelare? Questa la verità

39

Esistono diverse tipologie di alimenti che possono essere congelati e probabilmente molti di noi non ne sono a conoscenza. Per fare degli esempi possiamo citare alcuni tipi di frutta come la banana e l’avocado oppure altri tipi di alimenti come appunto il burro. Paradossalmente, anche le uova possono essere congelate, a patto che siano già state sgusciate.

Secondo uno studio svolto in Francia, ogni anno le famiglie sprecano più di 200 euro buttando nella spazzatura cibo avanzato che in realtà poteva essere conservato nel freezer e consumato successivamente.

Spesso non si è a conoscenza circa i metodi di conservazione degli alimenti e quali di essi possono essere congelati, queste sono le cause maggiori dello spreco di cibo. Lo spreco di cibo dovrebbe essere evitato ad ogni costo, oggigiorno il cibo, come l’acqua, sono dei beni primari che non tutti al mondo possono avere, e proprio questo motivo non si dovrebbe sprecare nulla. Dal momento che non in tutto il mondo queste risorse sono equamente accessibili e ci sono ancora persone che lottano per la propria razione giornaliera di cibo.

Il burro si può congelare?

Ebbene sì, anche il burro si può congelare, a patto che vengano rispettate tutte le regole di manipolazione alimentare prima del congelamento. In particolar modo, il burro già confezionato si conserva perfettamente nella sua confezione originale.

Se invece è un grande quantitativo, va confezionato in panetti di circa 200 grammi e avvolto prima in carta oleata e poi in fogli di alluminio ben sigillati. In generale, è sempre meglio scegliere burro non salato e poco acido, perché si conserva meglio.

Quindi, abbiamo detto che se il burro si può congelare molto facilmente sia nella sua confezione originaria sia in panetti realizzati ad hoc. Una volta congelato bisogna essere consumato nei successivi 3-4 mesi, quindi il consiglio è quello di scrivere sempre sulla confezione o sul panetto di burro la data di congelamento.