Juan Cuadrado… dove corri? Un dubbio in più per Allegri

Juan Cuadrado sarà un perno anche nella squadra di Massimiliano Allegri. La Juventus lo sfrutterà più sul versante offensivo o in difesa?

Juan Cuadrado indica - Getty Images
Il colombiano Juan Cuadrado sarà un punto fermo della Juventus – Getty Images

Archiviata la Copa America e con vacanze ancora in corso, Juan Cuadrado sa di dover ripartire ancora più carico in maglia bianconera. L’ala destra, adattata a terzino negli ultimi due anni, ha così nuovamente al suo fianco Massimiliano Allegri, un tecnico che ha sempre stimato le grandi capacità del sudamericano.

Che è stato sempre un elemento fondamentale per tutti i tecnici degli ultimi anni. Maurizio Sarri lo ha indietreggiato nelle soluzioni d’emergenza o proprio per avere almeno un leader polivalente, mentre Andrea Pirlo lo ha impiegato stabilmente da laterale basso.

Con l’avanzare dell’età, comunque, non è diminuita la sua capacità di corsa e di sprint in campo,  da terzino è stato spesso un’ala aggiunta sulla zona destra del campo.

Massimiliano Allegri, invece, gli diede una chiave di svolta quando applicò il metodo delle “Cinque stelle”, collocandolo a destra con compiti praticamente illimitati di spinta offensiva. Juan Cuadrado ha ricambiato a suo modo, con prestazioni di alto livello, sgroppate sulla fascia destra, cambi di passo e gol importanti, altra arma che ha spesso tenuto in caldo. Ma che ne sarà del prossimo utilizzo del colombiano?

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Una cifra record per il colombiano in bianconero

Difesa forse, trequarti… anche

Cuadrado in azione - Getty Images
Il colombiano è versatile nelle tattiche della Juventus – Getty Images

Il dubbio della Juventus sulla zona destra è di abbondanza, ma inserire Juan Cuadrado e Federico Chiesa nella stessa zona potrebbe non essere possibile. Massimiliano Allegri vorrebbe un maggior equilibrio sulla fascia destra, potrebbe anche collocare l’esterno italiano sulla sinistra, facendolo diventare un cursore a piede invertito.

Stessa cosa riguarderà poi Dejan Kulusevski che sarà a sinistra, ma sicuramente non avrà alternanze con il colombiano. Che sarà isolato dai compiti difensivi più urgenti solo se arriverà un terzino destro di ruolo e con capacità di copertura adeguate.

Nella Juventus spesso era proprio Andrea Barzagli, adattato a destra, a coprirgli le spalle, garantendo una grande esperienza e soprattutto mantenendo una parità numerica sulla zona esterna del campo.

Il colombiano che ha fornito più di cinquanta assist, vuole continuare ad essere un protagonista del gioco, magari ritrovando anche qualche rete in più. Nella scorsa stagione in Serie A è andato solamente in rete contro l’Inter. Fu una doppietta decisiva (l’ultimo gol su contestatissimo rigore) per la qualificazione in Champions League.

È ormai uno degli elementi più d’esperienza e potrà concludere la carriera a Torino, probabilmente. Il contratto in scadenza il 2022 andrà in allungo verso il 2023, in futuro si punterà a un ulteriore rinnovo perché non sembra risentire delle fatiche del campo. Un obiettivo sarà anche il mondiale di Qatar 2022, che potrebbe essere la sua ultima vetrina con la maglia della Colombia.