Juventus, altro brutto stop: riaperta la lotta Scudetto?

172
Higuain Juventus

Ennesimo stop per la Juventus capolista nella trentatreesima giornata del campionato di Serie A, che a Reggio Emilia rischia il tracollo e porta a casa un pareggio che, a cinque turni dalla conclusione del torneo, potrebbe clamorosamente riaprire la volata Scudetto. Spremuta la Vecchia Signora, dominata per larghi tratti anche dal Sassuolo di De Zerbi. Impietosi i numeri, considerando le ultime tre gare: appena 2 punti conquistati sui 9 disponibili, con 9 gol subiti per una media di 3 a partita. Maurizio Sarri può perlomeno tirare un sospiro di sollievo in virtù del pareggio della Lazio a Udine (anche i biancocelesti sembrano aver mollato il colpo), ma è indubbio che il 3 – 3 di Reggio Emilia rimarrà indigesto per il mondo Juve.

Higuain JuventusDopo appena 12 minuti, infatti, la Juventus si ritrova in vantaggio di due gol: il primo porta la firma di Danilo, fra i pochi a salvarsi in una serata comunque semidisastrosa per la compagine bianconera. Sulla seconda rete c’è invece la firma di Gonzalo Higuain, che scatta sul filo del fuorigioco e finalizza nel migliore dei modi un lancio di prima intenzione di Miralem Pjanic. Cristiano Ronaldo va anche vicino al tris su un’uscita disperata di Consigli, ma a quel punto la Juventus vede riconcretizzarsi i fantasmi di San Siro e si lascia clamorosamente rimontare da un Sassuolo arrembante.

Al 29° Djuricic accorcia le distanze approfittando dell’ennesima azione corale neroverde (Szczesny nei minuti precedenti aveva salvato la propria porta con un paio di interventi prodigiosi), mentre agli inizi del secondo tempo la Vecchia Signora cede: al 51° Berardi realizza il pari con uno splendido calcio di punizione, e dopo qualche istante c’è addirittura il sorpasso di Caputo. La Juventus si affida alla forza della disperazione, e grazie ad un colpo di testa di Alex Sandro, su corner battuto da Bentancur, acciuffa il pareggio. Finisce 3 – 3, con i bianconeri che salgono a quota 77 e che vedono pericolosamente avvicinarsi le inseguitrici: l’ Atalanta è a -7, la Lazio rimane a -8. L’ Inter, in caso di vittoria contro lo SPAL, si porterebbe a -6 dalla vetta.