Inter e Juve, da Barcellona gli “indizi” su Vidal e Suarez

124
Inter

Il nuovo Barcellona di Koeman apre ufficialmente i battenti, e al di fuori di essi rimangono Vidal e Suarez. I due calciatori sudamericani, da settimane vicinissimi rispettivamente a Inter e Juventus, non sono stati convocati in vista della prima gara amichevole dei catalani contro il Nastic Tarragona. Un indizio che sembra rimarcare sempre più ciò che già da tempo risulta evidente, e che, salvo clamorosi ripensamenti o beghe burocratiche, potrebbe concretizzarsi nel giro di qualche giorno.

InterArturo Vidal, d’altronde, orbitava nell’ellittica nerazzurra già dalla scorsa estate, ma l’atterraggio non arrivò mai per svariate motivazioni. Adesso, però, la situazione è drasticamente cambiata: dopo una stagione deludente il cileno vuole cambiare aria, e il Barcellona ha necessità assoluta di alleggerire un monte ingaggi divenuto praticamente insostenibile. Koeman ha fatto dei tagli, mentre Antonio Conte, da par suo, non vede l’ora di abbracciare un giocatore che proprio sotto la sua egida si è consacrato a livello internazionale, e che sembra essere stato promesso dalla dirigenza dell’ Inter per convincere l’allenatore a rimanere a Milano. L’accordo è definito da tempo, e la fumata bianca potrebbe arriva proprio in questo weekend.

Per Suarez alla Juventus la situazione è un po’ più complicata, ma dopo i rumors dei giorni scorsi indubbiamente la mancata convocazione del giocatore fa tirare un sospiro di sollievo al popolo bianconero. Uscito definitivamente fuori dai margini del progetto catalano, il giocatore sembra davvero vicino al trasferimento a Torino: l’accordo sull’ingaggio sembra esserci già (biennale da circa 10 milioni di euro, bonus inclusi, con opzione di rinnovo per il terzo anno), quello con il club anche. Lo scoglio che rimane da superare è rappresentato dall’ottenimento del passaporto comunitario, per il quale Suarez dovrebbe affrontare un esame nei prossimi giorni. È una corsa contro il tempo quindi, ma dall’ambiente bianconero traspare una certa fiducia.