Messi, l’attacco del Santos: “Perché non ha battuto il record di Pelé”

pele record santos messi
Pelé (GettyImages)

Il Santos ha voluto fare chiarezza in merito al record di gol con un solo club da poco battuto da Leo Messi: per i brasiliani Pelé detiene ancora il primato. 

Il club brasiliano non accetta che O’Rey possa perdere il proprio primato. Nell’ultima gara di campionato, Messi ha siglato la rete del sorpasso per il record di gol fatti con la maglia di un solo club in partite ufficiali. L’argentino ha raggiunto quota 644, superando di un’unità di reti segnate da Pelé.

Tuttavia, il Santos ha ribadito che le statistiche mentono e che i numeri siano stati analizzati in maniera poco oggettiva.

Potrebbe interessarti anche >>> Messi, messaggi d’amore a Guardiola: i numeri non mentono

Santos contro Messi: “Pelé ha segnato 1091 gol, sbagliato escludere amichevoli”

Messi, possibile permanenza al Barcellona (Getty Images)
Leo Messi (Getty Images)

Attraverso un comunicato ufficiale, il Santos ha dichiarato: “Secondo alcune statistiche, Messi sarebbe diventato il giocatore con il maggior numero di gol con la stessa squadra, raggiungendo 644 gol per i blaugrana – esclusi quelli fatti in amichevole – chiamate da alcuni come gol ufficiali. Pelé ha segnato 1091 gol per il Santos: 643 nelle competizioni e altri 448 in partite che non sono state considerate“.

Potrebbe interessarti anche >>> Calcio, Lazio e Sampdoria fra le maglie di club più belle di sempre: classifica

Il club brasiliano ha voluto chiarire che le amichevoli in cui ha segnato O’Rey avevano tutto per essere considerate partite ufficiali: un arbitro, regole ufficiali, un referto. ” Le 448 reti che oggi tentano di escludere dal conto, sono state realizzate contro grandi club – precisa il Santos – Un gol contro il Transvaal vale come uno fatto al Bernabeu contro il Real Madrid“.

Dunque, per la squadra paulista il record è ancora saldo nelle mani di Pelé. Il tre volte campione del mondo ha 1091 marcature, senza distinzioni di amichevoli o gare ufficiali. Tuttavia, bisognerebbe contestualizzare i periodi storici in cui sono state giocate le partite. E per tale ragione, in questo speciale primato, si tende ad escludere le gare amichevoli poiché al giorno d’oggi hanno un peso totalmente diverso rispetto 60 anni fa.