Derby emiliano sugli spalti: Bologna e Parma si rifanno lo stadio

Bologna e Parma si sfidano in campo ma anche sugli spalti. Restyling in vista per il Dall’Ara e per il Tardini, simboli delle due squadre

Lo stadio ha sempre rappresentato l’anima di una squadra, con il famoso dodicesimo uomo in campo che si unisce agli undici sul terreno di gioco e li spinge per la vittoria. Oggi che gli impianti sono vuoti a causa della pandemia, sono comunque centrali nei progetti di solidità finanziaria dei vari club.

Bologna e Parma, sono solo le ultime due squadre ad aver intrapreso la strada della riqualificazione del proprio stadio. Tuttavia, a differenza della Juventus e dell’Udinese, non stanno costruendo un nuovo stadio, bensì restaurando quello vecchio.

Entrambe le proprietà dei due club emiliani, sono nordamericane, e hanno al centro del loro progetto sportivo, lo stadio storico, quindi non ce ne sarà uno nuovo. Per i due club, il Dall’Ara e il Tardini, sono sacri e non si toccano.

Leggi anche >>> Piqùè-Griezmann e non solo: quando la lite è tra compagni

Leggi anche >>> Serie A, rinvio causa Covid

Dall’Ara e Tardini: i progetti di restyling

bologna dall'ara
Stadio Dall’Ara di Bologna (Getty Images)

Partendo dal Bologna, il Dall’Ara è stato oggetto di reinvestimento da parte della proprietà, comandata dal canadese Joey Saputo, per ben 60 milioni di euro. I lavori di qualificazione dovrebbero partire nell’estate 2022, ma finora ci sono stati i soliti ritardi.

La proprietà, ha poi speso altri 15 milioni per lo stadio temporaneo al Caab (Centro Agro Alimentare di Bologna), cosa che permette al club emiliano di non disputare le partite casalinghe fuori dalla città.

Riguardo il Tardini, lo stadio storico del Parma è fondamentale per Kyle Krause, proprietario americano del club da settembre. La riqualificazione dell’impianto, nelle parole e nelle intenzioni del presidente, sarà significativo per tutta la città, non solo per la squadra.

Il derby emiliano, dunque, non si svolge più solo in campo, ma anche sugli spalti, ovvero le strutture vere e proprie degli impianti, e il restyling del Dall’Ara e del Tardini, si immette nel concetto di stadio usufruibile in tutta la settimana, e non solo nel giorno della partita.