Ligue 1 e Psg: chiudere la pratica non è semplice

Psg, chiudere la Ligue 1 non è così facile come sembra per merito del Lille

La lotta in Francia è sempre più aperta. La Ligue 1 è forse il campionato che più ha risentito del fattore covid, per quanto riguarda l’equilibrio in campo. Il torneo è molto equilibrato, nonostante la rosa del Psg sia semplicemente mostruosa se confrontata alle altre, ma giunti alla ventinovesima giornata i parigini non sono i primi in classifica. Tutto merito del Lilla, che mantiene il margine di vantaggio di due punti su Mbappè e compagni, anche se avrà una domenica da brivido.

La capolista arriverà nel Principato di Monaco per un incontro di grande tenacia. Anche perché in questo torneo sono quattro squadre ancora a poter puntare, legittimamente, alla vittoria del torneo. E una fra queste è proprio il Monaco, che ora dista sette lunghezze e vorrebbe accorciarle a quattro in caso di vittoria.

Il sabato di Ligue 1 ha due match, il primo è quello tra Angers e Saint Etienne, con i padroni di casa solidi e robusti, forse pronti per un inserimento last minute in zona europea. Il Marsiglia, dopo la vittoria per 1-0 contro il Rennes, deve far capire di aver cambiato rotta. L’eliminazione clamorosa dalla coppa francese ancora non è stata digerita, a Sampaoli il compito di rivitalizzare un ambiente in attesa di emozioni. Contro il Brest però non sarà facile conquistare l’intera posta in palio.

POTREBBE INTERESSARTI ANCHE >>> Psg e Ligue 1, un’annata controversa

La corsa al titolo ingarbugliata

Mbappè e Neymar attacanti del Psg - Getty images
Mbappè e Neymar, l’oro del Psg – Getty images

Sicuramente puntare in alto mette ansia ed emozioni. Il Lione, che ha già giocato ieri contro il Reims lo sa bene, il Psg invece è atteso dall’impegno casalingo contro il Nantes. Aver eliminato il Barcellona è un segnale di come il cammino potrebbe essere in discesa (o quasi), ma il relax è stato spesso nemico del Paris.

La gara di domenica contro il Nantes è una sfida che va in quest’ottica: lasciare l’iniziativa alla penultima in classifica potrebbe portare a un risultato clamoroso. Meglio, dunque, non rischiare.

Nelle altre gare, il Nimes ha in casa l’ostacolo Montpellier ma ha bisogno di punti salvezza, Lens-Metz è una gara con una finestra aperta sull’Europa League. Il Lens è quinto, il Metz è settimo, i padroni di casa hanno sentore e abitudini di alto vertice, il Metz mancava da troppo tempo a ballare in certe piste.

Il Lorient ha in casa il Nizza, anche in questo caso per è sfida vitale per la lotta alla permanenza in Ligue 1. Il Rennes ospita lo Strasburgo, ma quella rossonera è una squadra che non ha convinto e l’esperienza in Champions, paradossalmente, ha lasciato più strascichi che benefici, tanto che in molti già guardano ad altri lidi.

Digione-Bordeaux è la gara forse meno attesa fra tutte. I padroni di casa sono malinconicamente ultimi in classifica, gli ospiti hanno giocato un torneo di sofferenza, ben lontano dal loro blasone.