Provedel alza il muro: lo Spezia si aggrappa a lui

Ivan Provedel Spezia - getty images
Il portiere dello Spezia sorpresa in positivo in zona salvezza - getty images

Ivan Provedel e la sua storia di riscatto. Da giocatore dimenticato a decisivo nello Spezia di Vincenzo Italiano. La Serie A ha ritrovato un portiere di prospettiva.

Nessuno avrebbe mai puntato un euro sul riscatto di Ivan Provedel in Serie A. Era stato acquistato dallo Spezia lo scorso 5 ottobre senza troppi clamori dall’Empoli, grazie alla finestra di mercato allungata per la squadra vincitrice dei playoff di Serie B.

La fortuna una volta toglie e una volta dà, l’infortunio di Zoet ha lanciato il custode italiano nella porta spezzina e, tranne per alcuni attimi (il covid e la Coppa Italia) l’ha sempre difesa da titolare. La maturità di questo Spezia è passata anche attraverso Ivan Provedel, che ha fornito prestazioni di sostanza.

Per il portiere, dunque, una Serie A da protagonista, dopo tante incertezze. Partito dalle giovanili dell’Udinese e del Chievo, aveva trovato il primo professionismo nel Pisa e poi nel Perugia. Giocando praticamente una buona metà del campionato, così come nel Modena, come se Provedel fosse solo un portiere part-time. A Modena, per altro, si rese protagonista di alcune parate strepitose ma anche di alcuni colossali errori: spesso, il tutto avveniva nella stessa partita.

Era un problema di concentrazione, più che di talento. Perché in una partita un portiere tutto può concedersi tranne l’errore, che spesso porta a perdere dei punti per strada.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> La concorrenza attuale, una sana lotta per la porta

La lenta risalita e il gol inatteso

ivan Provedel - getty images
Plastico volo in allenamento di Ivan Provedel, portiere ora allo Spezia – Getty images

Nel 2016-17 un primo campionato da protagonista. Nella Pro Vercelli in Serie B senza pressioni e senza troppi sbalzi, 40 partite giocate e 39 gol subiti. Soprattutto una continuità ricercata, la Pro Vercelli con il suo modulo lo ha aiutato a non incassare troppo. E a ottenere una chiamata dell’Empoli, che lo acquistò a titolo definitivo per farlo giocare (ancora) in alternanza nel torneo di Serie B.

Così come nella stagione successiva in Serie A, l’arrivo di Dragowski (e annessi miracoli del polacco) chiusero definitivamente la porta a Ivan Provedel. Che poi fu accantonato gradualmente, diventando la riserva di Brignoli prima del prestito del gennaio 2020 alla Juve Stabia.

Dove si rese protagonista, in ogni caso. Non riuscì ad evitare la retrocessione dei campani, ma segnò addirittura un gol. Al 95° in un Juve Stabia-Ascoli entrò nel ristretto club dei portieri in gol su azione, una soddisfazione che non capita tutti i giorni.

Tornato alla base di Empoli, lo Spezia ha poi investito su di lui. Anche moralmente, perché l’arrivo di Provedel per molti era sembrato un azzardo: una neopromossa poteva affidarsi con sicurezza a un portiere dalle presenze altalenanti?

I fatti hanno smentito gli scettici, per qualcuno meriterebbe anche la convocazione in Nazionale (non esageriamo), ma sicuramente ha dimostrato di valere la Serie A. Che, ogni tanto, regala anche storie di riscatto sportive.