Juve Milan, maledizione rigori: il dato è preoccupante

milan juve rigori
Dybala e Kessié (Getty Images)

Il rigore fallito da Kessié ha impedito al Milan di chiudere la partita con la Juve: la statistica inchioda i rossoneri. 

Frank Kessié è stato il cecchino designato da Pioli dopo i tanti errori dal dischetto di Ibrahimovic. Una scelta che ha premiato il tecnico, che in più occasioni ha incassato i tre punti grazie alla precisione dell’ivoriano. Contro la Juve però il Milan non è riuscito a chiudere il match a causa di uno dei tanti rigori sbagliati in questa stagione.

Ne ha avuti tanti a favore la squadra rossonera, che entra nei record in una stagione in cui i penalty saranno decisivi nella classifica finale. Contro i bianconeri però Szczesny si è confermato freddo, e la statistica premia il portiere. Quando vede il Milan, l’estremo difensore polacco diventa un muro sui tiri dal dischetto. In 4 occasioni in cui si è trovato davanti un avversario dagli undici metri, il numero 1 bianconero ha risposto presente per ben tre volte. Ma quanti rigori ha avuto a favore il Milan in questa stagione, e quanti ne ha sbagliati?

Leggi anche: Juve Milan, la statistica inchioda Ronaldo: che flop

Juve Milan, il dato incredibile sui rigori per i rossoneri: sono i peggiori in Europa

Milan Ibrahimovic
Ibrahimovic, protagonista negativo dei tanti rigori sbagliati dal Milan, che anche oggi con la Juve ne ha fallito uno (GettyImages)

La statistica inchioda i tiratori scelti da Pioli. Il Milan contro la Juve ha aumentato il numero dei rigori a favore. Netto quello assegnato dal direttore di gare per un tocco di Chiellini con il braccio. Dal dischetto si è presentato Kessié, che si è fatto ipnotizzare da uno Szczesny  glaciale. Penalty numero 17 in stagione, ma errore che rende il Milan la peggiore squadra d’Europa in una speciale graduatoria.

I rossoneri sono infatti insieme all’Eibar la squadra ad aver fallito più conclusioni dagli 11 metri. Ben 5. Per tre volte è stato Ibrahimovic a mancare la più ghiotta delle opportunità dal dischetto. Nelle altre due occasioni invece è toccato a Kessié. Un dato che fa riflettere Pioli. Il tecnico incrocia le dita e spera che in questo accesissimo finale di stagione i suoi tiratori scelti siano più precisi, per evitare pericolosi rimpianti.