Tomiyasu e Schouten verso l’Atalanta: come convincere il Bologna?

Tomiyasu di testa - Getty Images
Il giapponese Tomiyasu ha già convinto l'Atalanta - Getty Images

Schouten e Tomiyasu sono ben più di un’idea in casa Atalanta. Prezzo abbordabile, buona affidabilità, il Bologna non si opporrebbe più di tanto.

Le idee del mercato vanno viste anche in ottica futura. L’Atalanta in questo come sempre ha in marcia in ù, sia guardando al suo florido settore giovanile, nonché per quanto concerne gli elementi più interessanti del panorama europeo. Spesso pesca con ottimi risultati in Belgio e Olanda, altre volte guarda con scrupolo anche al campionato nostrano, puntando le attenzioni su elementi giovani ma già maturi.

Come nel caso dei felsinei Schouten e Tomiyasu, elementi già in grado di garantire buona solidità nella massima serie. Maturati al punto giusto, sembrano già pronti per altri lidi, sicuramente a Bologna sono un po’ sprecati per giocarsi una tranquilla salvezza e poco altro.

Il salto a Bergamo sarebbe già un premio alla carriera, che arriverebbe nel momento più opportuno. L’Atalanta ha ormai un suo impianto di gioco consolidato, sia Schouten che Tomiyazu sanno essere polivalenti tra centrocampo e difesa. Se sono nel taccuino dell’Atalanta non è un caso, con il Bologna ci sono anche buoni rapporti, dati anche dall’operazione Barrow, un affare da quindici milioni per i felsinei, che hanno levato un elemento in esubero dal club orobico. Ora il percorso inverso potrebbe avvenire per lo svedese e il giapponese, proprio integrandoli nell’operazione del gambiano.

Il vice De Roon e il vice Hateboer già pronti

Schouten - Getty Images
Schouten sarebbe nello scacchiere di Gasperini il vice De Roon – Getty Images

Per quanto riguarda Schouten la collocazione tattica è praticamente scontata nel centrocampo di Gasperini. Nella mediana andrebbe a fare una sorta di alter ego di De Roon, l’elemento che più di tutti è imprescindibile nella rosa bergamasca. Perché sa abbinare le fasi, tiene coperto il centrocampo e ha buona visione di gioco. Soprattutto, partirà con un lieve disagio, le quattro giornate di squalifica rimediate  nell’ultimo turno contro il Milan.

Perciò, Schouten potrebbe già accelerare il suo rodaggio a Bergamo e andare già in campo dal prossimo agosto insieme a Freuler. Operazione da imbastire su cifre economiche importanti ma non impossibili: a quindici milioni – comprensivi dei bonus – ci sarà la chiusura dell’affare. Lo svedese è quindi pronto per un’avventura importante, potrà così lottare anche per la Champions League.

Discorso similare a quello di Tomiyasu, il samurai della difesa rossoblu. Elemento disciplinato (ma non è una novità per i giapponesi) con buona gamba e visione alta. Con il Bologna ha giocato da centrale oppure da terzino destro in uno schieramento a quattro.

A Bergamo dovrebbe fare o il centrale destro oppure il laterale, rimpiazzando Hateboer, che ha qualche guaio alla caviglia. Se non arriverà Zappacosta, il giapponese sarà l’obiettivo numero uno per la fascia. Anche in questo caso sulla quindicina di milioni la quotazione, forse qualcosa in più per la parte bonus o contropartite.