Euro 2020, chi guadagna di più dallo sponsor tecnico delle maglie? L’Italia è quarta

Italia Puma Euro 2020
Ciro Immobile con la maglia dell'italia (fonte foto GettyImages)

La classifica dei guadagni delle Nazionali di Euro 2020 dagli sponsor tecnici che producono le maglie ufficiali: l’Italia è quarta dietro tre big.

Romanticamente la maglia della Nazionale è la più importante per i tifosi. Dal punto di vista economico è quella dal valore maggiore. Con Euro 2020 è arrivata una pioggia di denaro alle federazioni nazionali europee dagli sponsor tecnici. Più o meno. Come sempre infatti vige la legge del più forte, o meglio, la legge del mercato. E così c’è chi guadagna fior fior di milioni e chi invece deve accontentarsi delle ‘briciole’, magari dalla stessa azienda.

In questa speciale graduatoria, secondo i dati raccolti da SponsorGlobe di Nielsen Sports per La Gazzetta dello Sport, l’Italia si difende bene. Pur rimanendo fuori dal podio, riceverebbe dal proprio sponsor tecnico, la Puma, circa 22 milioni di euro. Una somma considerevole, più alta della gran parte dei club europei, ma molto lontana dalle Nazionali che la superano. Anche per questo dal 2023 la Figc dovrebbe passare ad Adidas, con un nuovo contratto da circa 30 o 40 milioni.

Leggi anche -> “Jorjoe Keyeleanee” e “Insinyuh”: come la UEFA pronuncia gli azzurri ad Euro 2020

Classifica guadagni dagli sponsor tecnici delle maglie di Euro 2020

Maglia Italia Euro 2020
Calciatori dell’Italia (fonte foto GettyImages)

In totale, stando a questo studio, i guadagni delle 24 rappresentative nazionali che partecipano a Euro 2020 valgono 238 milioni all’anno. La percentuale dell’Italia è dunque piuttosto pesante sul computo totale. Ma non quanto quella delle prime in classifica. Ai primi due posti ci sono infatti Francia e Germania, che da Nike e Adidas ricevono 50 milioni e mezzo e 50 milioni. In due superano i 100 milioni.

Sul terzo gradino del podio c’è invece l’Inghilterra, sponsorizzata dalla Nike per ben 37 milioni. E la Spagna? Incredibile ma vero, le Furie Rosse sono pagate dall’Adidas meno di quanto l’Italia è pagata dalla Puma: circa 20 milioni. I guadagni totali delle prime cinque nazionali (i maggiori al mondo, se si esclude quello del Brasile, che dalla Nike riceve più di 30 milioni) superano dunque, e di molto, la metà del totale. E non è un caso che ai primi cinque posti ci siano le prime cinque leghe calcistiche europee.

Potrebbe interessarti -> Euro 2020, lo spettacolo è sugli spalti: le tifose più belle d’Europa – Foto

Ma come sono messe le altre? Direbbe qualcuno bene ma non benissimo. Troviamo infatti attorno ai 10 milioni altre importanti realtà calcistiche come Olanda, Portogallo e Russia. Meno distanti tutte le altre: si passa dai 3,5 milioni della Turchia ai ‘soli’ 500mila euro di Finlandia e Macedonia del Nord, le cenerentole di questa competizione.