Juventini ed europei: prestazioni e pareri contrastanti

Demiral e De Ligt - Getty Images
Demiral e De Ligt vivono Euro 2020 in maniera diversa - Getty Images

L’andamento dei calciatori juventini agli europei è decisamente altalenante. Notizie non troppo positive se si vorrà fare cassa.

La Juventus attende gli europei per puntare alle cessioni, soprattutto di quei calciatori juventini che cercano una maggior valutazione nella competizione. In effetti, è sempre un’arma a doppio taglio questa edizione di Euro 2020, perché le prestazioni straordinarie potrebbero fare arrivare gli assegni irrinunciabili delle tre o quattro big con ancora qualche soldo in tasca.

In questa categoria potrebbe appartenere solo Matthias De Ligt, il difensore olandese ha saltato la prima partita degli europei, ma poi è tornato in pianta stabile nell’Olanda. Dimostrandosi subito quel muro tanto apprezzato in due stagioni dai tifosi juventini, un ragazzo che ancora ha tante stagioni davanti a sé. Se in bianconero o con i colori di un’altra squadra vedremo, d’altronde il Real Madrid non ha rinnovato il contratto a Sergio Ramos e non è impossibile un tentativo degli spagnoli.

Guardando proprio alla difesa juventina, Mehdi Demiral non ha giocato proprio un grandissimo torneo. Gli europei sono partiti in salita, con l’autogol sfortunato contro l’Italia e la panchina contro il Galles a demoralizzare il turco. Tra gli juventini c’è ora un dubbio: e se non fosse così indispensabile? La voce proveniente dalla Liga su un possibile interessamento del Barcellona potrebbe essere molto concreta prossimamente. Giorgio Chiellini invece è ancora a scartamento ridotto, il polacco Scszezny è stato già eliminato.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> La storia di Bonucci, leader azzurro

Mediana e attacco ok

Morata seduto - Getty Images
Alvaro Morata dei juventini ha un morale basso per gli europei – Getty Images

Su Adrien Rabiot le attese dei tifosi juventini sono molte, gli europei sembrano aver fatto uscire dal bozzolo il talento del calciatore francese. Dovrebbe affrontare la sua terza stagione a Torino partendo da titolare inamovibile o quasi, perché la crescita appare evidente. Così come anche un’eventuale super plusvalenza se capiterà in futuro.

Anche Aaron Ramsey è ben monitorato, soprattutto sul fronte di una cessione immediata. Nessuno si mangia le mani per quanto visto agli europei, proprio perché gli juventini non amano moltissimo il calciatore gallese. Che ha segnato qualche gol, ma non è mai entrato nel cuore dei tifosi, forse per il suo aplomb o forse per l’assoluta mancanza di continuità, o di prestazioni oppure fisica. Staremo a vedere cosa concederà il mercato.

Bianconero o … quasi è Manuel Locatelli, i cui europei sono quelli dell’esplosione definitiva. Che riguarderanno anche il prezzo, il Sassuolo di certo non farà sconti anzi.

Lì davanti ovviamente è Cristiano Ronaldo quello maggiormente seguito. Perché ha superato Michel Platini per numero di gol globale negli europei, anche se i tifosi juventini di vecchia data venerano ancora il francese.

Alvaro Morata è invece il punto interrogativo. Con la Spagna non appare brillantissimo, il rinnovo del prestito per ulteriori dieci milioni non ha propriamente entusiasmato la piazza. Ritroverà Massimiliano Allegri e sarà un bene, perché il tecnico conosce pregi, difetti e… pause del centravanti spagnolo.

Dejan Kulusevski e Federico Chiesa – invece – fanno un sano apprendistato. A giudicare dai risultati, è ottimo.