Cessioni da record: tre squadre brindano entusiaste

Cessioni da record in vista per Atalanta, Sassuolo e Udinese. Al di là delle plusvalenze, saranno corpose le entrate per questi club.

Gosens e Berardi - Getty Images
Sarebbero cessioni da record quelle del tedesco Gosens e di Berardi – Getty Images

La buona progettualità premia sempre guardando al calciomercato. In particolar modo saranno le cessioni a tenere banco, per alcune squadre potrebbero arrivare dei record di incasso non indifferenti. Da sommare poi al fattore delle plusvalenze, nel calcio italiano ormai sembrano comandare in lungo e in largo.

Lo sa bene chi fa soprattutto una gestione virtuosa della propria società. L’Atalanta nel 2020, nonostante il fattore covid, è riuscita a chiudere il bilancio con 51 milioni di attivo, un record che le altre squadre nemmeno potevano immaginare. E sul fronte cessioni, ci sarà anche da valutare cosa farà l’Atalanta in uscita.

L’eliminazione anche anticipata della Germania non ha inficiato gli interessi su Robin Gosens, che ha gli occhi di mezza Europa addosso. Pagato poco più di due milioni, è prezzato moltissimo. Si partiva dai 40 milioni per la cessione, ora si riguarderà la cifra verso l’alto. L’impressione è che la prima grande offerta sarà quella decisiva, così come nel caso di Cristian Romero.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Il Tottenham continua a pescare in Italia

A questo denaro, si potrà sommare quello che arriverà da altre cessioni. Che l’Atalanta confeziona mettendo tutti in contropiede: arriverà probabilmente un’altra plusvalenza corposa cedendo un giovanissimo.

Udinese e Sassuolo in vista

De Paul e Locatelli - Getty Images
De Paul passato all’Atletico Madrid contro Locatelli… quasi alla Juve – Getty Images

L’Udinese, invece, da anni segue la via dell’auto sostenibilità. Proprio la cessione di Juan Musso e quella di Rodrigo De Paul hanno portato una cinquantina di milioni in cassa, escludendo anche ciò che potrebbe avvenire nelle prossime settimane.

Sulla soglia degli indiziati, ci sono Molina e Stryger Larsen sulla destra, ma i tifosi friulani, però, vorrebbero anche qualcosa dal punto di vista dello…shopping. Perché da anni la salvezza arriva ma senza lasciare soddisfazioni, un po’ l’ambiente sembra essere demoralizzato.

Il Sassuolo, invece, attende con calma per poi progettare il futuro. Già solo l’addio di Roberto De Zerbi ha portato alla parallela cessione di Marlon: 12 milioni arrivati in cassa per un difensore non certo insostituibile. Soprattutto dal centrocampo in poi i prezzi sono altini. L’affare Manuel Locatelli è quotato sulla quarantina di milioni, da capire se ci saranno delle contropartite in mezzo (la Juve spinge per Dragusin).

Anche Boga ha mercato, all’estero può essere ceduto per queste cifre. Era un ex del Chelsea, potrebbe tornare proprio in Premier League per diventare un calciatore devastante, se solo trovasse maggiormente la porta avversaria.

Occhio anche a qualche altro giovane, Giacomo Raspadori già vale molto, considerando la convocazione e l’esordio ad Euro 2020. Per non parlare di Mimmo Berardi, il capitano non si muoverà a meno di offerte straordinarie. Che potrebbero segnare anche il nuovo corso dei neroverdi con queste cessioni da record.