“Non ne parlo volentieri”: il Pampa Sosa si commuove in diretta tv – VIDEO

Il Pampa Sosa alla domanda si commuove in diretta: “Non ne parlo volentieri, per me è una ferita, e le immagini mi fanno male”.

roberto sosa
Roberto “el pampa” Sosa con la maglia del Napoli (Getty Images)

Una storia d’amore col Napoli infinita. Roberto Sosa, per tutti “El Pampa”, è legatissimo alla tifoseria partenopea. Uno dei giocatori più iconici, capace di abbinare classe e una garra tutta argentina. Intervistato a Canale 21, una domanda lo ha messo emotivamente in difficoltà. Mani al volto, poi un attimo di pausa per riprendere fiato e il filo del discorso. Poi, visibilmente commosso, l’ex attaccante di Napoli e Udinese ha detto la sua.

“Non ne parlo volentieri e mi ero ripromesso di non vedere più alcune immagini che fanno molto male. Ho una maglia che ricorda tutto, e la custodisco gelosamente senza darla a nessuno”. Era una casacca del Napoli. L’ultima con il 10 cucito sulla schiena. Quello che apparteneva al più grande di tutti.

Leggi anche: Olimpiadi, chi sono gli italiani con più medaglie: è dominio in una disciplina

El Pampa Sosa si commuove al ricordo di Maradona: “Lo hanno lasciato solo”

Maradona
Maradona, il suo ricordo ha fatto commuovere Sosa (GettyImages)

Intervistato a Canale 21, Roberto Sosa si è visibilmente commosso alla domanda su Diego Armando Maradona. “Non ne parlo volentieri – ha sottolineato el Pampa – perché è un ricordo che mi fa male. Lo hanno lasciato solo, non lo hanno sostenuto in un momento delicato”. Poi si blocca, si scusa, e con le mani al volto continua a parlare del connazionale, guardando una foto con una maglia del Napoli numero 10.

Rivedi l’intervista del “pampa” su Maradona — clicca qui

“Mi fece una battuta – prosegue Sosa guardando l’immagine che lo ritrae con Maradona- e mi chiese se potevo prestargli quella maglia, dicendo che me la avrebbe riportata il giorno dopo. Gli dissi di no, e la custodisco gelosamente. Sono tornato a Napoli con mia figlia, e la prima cosa che abbiamo fatto è stato visitare lo stadio. Dispiace che non ci sia un momento per fare una partita in ricordo del più grande”. E poi un sorriso amaro, di chi perde un grande amico e un idolo. Diego Maradona, che per chiunque abbia sfiorato l’erba del San Paolo o semplicemente calciato un pallone, è una icona del calcio che manca troppo.