Fattore casa in dirittura d’arrivo: quanto sarà decisivo?

Il fattore casa sarà un elemento importante che tornerà negli stadi italiani. Soprattutto in zona salvezza potrebbe essere decisivo.

Ronaldo accerchiato dal Parma - Getty Images
Torna il pubblico, quanto sarà decisivo lo stadio casalingo? Getty Images

C’è un elemento in più per la prossima stagione calcistica. Dopo un’annata giocata praticamente a porte chiuse e un europeo itinerante con capienza variabile, il fattore casa sarà un elemento anche determinante nelle sorti di un campionato.

Si parlerà dunque di fattore casa per indicare quelle squadre che si sentono più al sicuro nello stadio di appartenenza, anche se non è di certo un elemento da scienza esatta. Prendiamo proprio Euro 2020: l’Inghilterra, nonostante sia stato un europeo itinerante, ha giocato sei incontri su sette nell’impianto di Wembley. Ciò non ha impedito all’Italia di sconfiggerla – seppur ai rigori – avendo praticamente il 95% del tifo contro nel tempio di Londra.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Dopo la finalissima, il calcio entra nella Treccani

Questione quindi di carattere ma, a lungo andare, l’elemento casalingo tornerà a essere determinante. Proprio perché, pian piano, ci si abitua alla presenza del pubblico che, seppur distanziato, non fa mancare i cori e le imprecazioni: anche ciò è un segnale di normalità.

Vedremo cosa accadrà nelle prossime settimane, ma sicuramente le squadri delle grandi piazze tirano un sospiro di sollievo. Avranno qualche soldo in più in cassa e supporter che faranno sentire la loro passione.

Gli esempi alternati delle grandi

Esulta Sassuolo - Getty Images
Il Sassuolo al Mapei ha sempre il fattore casa positivo – Getty Images

Nel precedente torneo di Serie A il fattore casa con le porte chiuse è stato un elemento importante. Prendiamo due esempi necessari guardando alle prime quattro classificate. La Juventus ha avuto la peggior annata interna da quando ha aperto lo Stadium al pubblico. Forse con la presenza dei supporter bianconeri non avrebbe perso per 0-3 contro la Fiorentina e per 0-1 contro il Benevento. Due fattori che, magari, non sapremo mai con certezza se si sarebbero verificati, ma qualche giocatore avrebbe avuto sicuramente un incentivo a svegliarsi in più.

Discorso su casa e trasferta valevole per il Milan, soprattutto protagonista fuori da San Siro. Ha avuto il miglior rendimento esterno della scorsa annata, 16 vittorie su 19 in campionato sono arrivate allontanandosi da Milano… compreso il derby d’andata, comunque giocato a San Siro.

Da ospitante, invece, ha concesso un po’ troppo, perdendo contro Inter, Atalanta e Juventus e non dando una sensazione di imbattibilità (anche l’Udinese stava vincendo a San Siro, un rigore salvò il Milan al 93° minuto).

Soprattutto in zona salvezza, che campionato avrebbero fatto Benevento e Crotone in Serie A? sarebbero retrocesse ugualmente o avrebbero lottato con maggior vigore?

Un aspetto che ora può essere riversato per le piccole del prossimo torneo. Le tifoserie di Empoli, Spezia, Venezia e Salernitana avranno un ruolo importante per regalarsi un’altra stagione in Serie A.