Torino, cosa vuoi fare da grande? Empoli… una gara di salti

Torino-Empoli è una gara dove i settori offensivi potrebbero avere la meglio. C’è una batteria interessante di attaccanti che possono portare pericoli alle rispettive difese.

esulta torino - foto LaPresse
Il Torino contro l’Empoli cercherà la vittoria interna – foto LaPresse

Trovare un punto di accordo non è facile. Quando si affrontano tecnici come Ivan Juric e Aurelio Andreazzoli appare difficile pensare a una gara che finisca 0-0. Quanto meno, la sicurezza che portano i due tecnici è di avere una partita con un bel po’ di agonismo, nonostante un orario non certo consono per vivere piene emozioni calcistiche.

Giovedì pomeriggio per Torino ed Empoli come una sorta di piccolo esame, l’inverno sta arrivando e ci sarà bisogno di portare quanta più legna possibile nel proprio cammino. Un percorso ondivago quello delle due formazioni, i granata sembrano quanto meno non dover ripetere le ultime scialbe stagioni. Dall’altra parte, invece, l’Empoli ha qualche alibi in più come neopromossa, gira con un’ottima media punti ma non deve di certo mollare la presa, come la storia recente insegna.

Camminare o per meglio dire correre oggi è l’imperativo. Moduli soliti per i due tecnici, il Torino dovrà vedere se ci sarà qualche recupero last minute, l’Empoli ha da risolvere qualche ballottaggio un po’ in tutti i reparti.

La via del gol diventa autostrada?

Andreazzoli a Torino - foto LaPresse
A Torino, Andreazzoli ha già conquistato tre punti… Foto LaPresse

Tra Torino ed Empoli la gara potrebbe essere spettacolare. Il Torino ha capito di avere più interpreti offensivi in questa stagione, senza Andrea Belotti ha saputo fare di necessità virtù. E lo dovrà fare anche nel prossimo futuro, dato l’infortunio del capitano, senza lamentarsi più di tanto in campo. L’alternanza tra i vari protagonisti ha comunque per ora fornito punti e concretezza, per gennaio sarà fatta qualcosa.

È un Torino che viaggia in buona media nel rapporto tra centrocampisti e gol, altra arma importante che sembrava dimenticata. Qualche jolly in più arriva con gli inserimenti di Tommaso Pobega e con la capacità degli esterni di essere molto propositivi.

L’Empoli ha una panchina lunga per il settore offensivo, tutti si sono sbloccati e da tutti Andreazzoli si aspetta di più. Il problema dei toscani arriva quando gli attaccanti si adagiano e si accontentano di guardare gli highlights delle partite precedenti, come potrebbe accadere nei più giovani. Un pericolo da evitare, vista la buona lena attuale con Andrea Pinamonti sugli scudi: già cinque i gol per lui.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Per chi tifano i reclusi del Gf Vip?

I toscani, per altro, non vincono nella Torino granata dal 10 gennaio 2016, allenatore Marco Giampaolo e gol decisivo realizzato da Massimo Maccarone. Fu un 1-0 di misura esterno come quello del 6 maggio 2015, che fu ancora più impresso nella mente. Non per la collocazione temporale (si giocò di lunedì pomeriggio), quanto per la rete che decise il match, un liscio da paura del portiere Daniele Padelli che mancò l’impatto con il pallone e portò l’Empoli in vantaggio.