Serie A, il ballo dei debuttanti: la top 5 degli esordienti più giovani

Aaron Hyckey (GettyImages)

Questi primi mesi di Serie A hanno regalato il debutto nel mondo dei grandi a qualche ragazzo: i cinque esordienti più giovani del campionato.

Le prime 14 giornate di Serie A hanno regalato spettacolo, gol e calciatori nuovi che si sono iscritti all’infinito numero di giocatori passati per il campionato italiano. Per qualche ragazzo, il debutto al torneo ha coinciso anche con il grande salto nel mondo professionistico.

Tra i più giovani esordienti, figura anche qualcuno che sta bruciando le tappe, alla ricerca di una considerazione nell’Italia U-21, magari per l’Europeo che comincerà a maggio.

Potrebbe interessarti anche >>> Serie A, Chiellini da record: la top 5 delle bandiere nel calcio italiano

Serie A, la top 5 degli esordienti più giovani: da Balogh a Udogie

esordienti serie a
Esordio di Udogie in Serie A (GettyImages)

Tra i cinque più giovani esordienti di Serie A, c’è qualche ottima prospettiva in vista di una futura maglia in Nazionale. Ma non ci sono solo italiani. Infatti, al quinto posto di questa speciale classifica c’è Botond Balogh del Parma. Il suo debutto (18 anni e 4 mesi) in campionato difficilmente lo dimenticherà: 31 ottobre, titolare contro l’Inter a San Siro. Ma non è tanto l’avversario, quanto un episodio che l’ha visto protagonista. Infatti, il diciottenne ungherese nel secondo tempo atterrò in area Perisic, ma l’arbitro non decretò il calcio di rigore.

Potrebbe interessarti anche >>> Serie A, dalle panchine arrivano i gol: chi è il re delle cinque sostituzioni

Al quarto posto degli esordienti più giovani di Serie A c’è Matteo Ruggeri. Il terzino sinistro dell’Atalanta ha debuttato nel calcio professionistico prima in Champions, poi in campionato contro l’Inter da titolare (18 anni e 3 mesi). Il terzo è Aaron Hickey (18 anni e 3 mesi): uno dei ragazzi più interessanti della competizione. Il terzino del Bologna è titolare della formazione di Mihajlovic, ma negli ultimi match è stato indisponibile a causa del Covid. E’ il più giovane ad aver accumulato minuti e presenze.

Al secondo e al primo posto ci sono due veronesi. Philip Yeboah Ankrah ha debuttato recentemente contro la Fiorentina (18 anni e due mesi). Juric l’ha inserito con la speranza che la sua velocità potesse creare pericoli ai Viola, ed effettivamente qualche pensierino alla difesa avversaria l’ha procurato, ma 12 minuti non sono bastati per lasciare il segno. Il più giovane esordiente, quando non aveva ancora compiuto 18 anni, è Destiny Udogie (17 anni e 11 mesi). Un ragazzo dal nome importante, che ha avuto il suo battesimo contro il Milan a novembre. Il centrocampista dell’Hellas ha accumulato altre due presenze, una in Serie A e una da titolare in Coppa Italia.