Serie A, svolta storica per il campionato: così si presenta la 23a giornata

Dazn Diritti tv
Diritti tv, corsa fra Dazn e e Sky per la Serie A (GettyImages)

La Serie A per la prima volta si presenterà completamente spezzettata: gli orari delle partite della 23a giornata di campionato. 

Manca poco al fischio d’inizio di Fiorentina-Spezia, il primo match che apre la 23a giornata. E’ l’anticipo del quarto turno del girone di ritorno, ma ormai sembra non esistere più un anticipo o un posticipo. Le partite del campionato italiano sono dilatate lungo tutto il weekend. Qualcuna addirittura fino al monday night.

Con la chiusura degli stadi al pubblico a causa della pandemia è evidentemente incrementato l’interesse delle emittenti televisive e della Serie A per occupare qualsiasi fascia oraria e mostrare un match in programma. Sono di fatto sparite le contemporaneità. A volte capita che la domenica alle 15:00 si disputano un paio di gare, ma non sarà il caso di questo fine settimana. Infatti, a causa degli impegni internazionali di alcuni club, si giocheranno cinque partite tra venerdì e sabato in cinque orari diversi. Si ripeterà lo stesso trend domenica 21 febbraio, fino a chiudere la 23a giornata con Juventus-Crotone di lunedì sera.

Leggi anche >>> Champions League, ma quanto mi costi: svelate le ripartizioni dei match

Serie A, per la prima volta 10 gare in dieci fasce orarie diverse

Diritti tv De Siervo
Serie A (GettyImages)

Orario insolito, soprattutto in una giornata considerata ancora lavorativa. Fiorentina-Spezia si gioca quest’oggi 19 febbraio al Franchi alle 18:30. A seguire ci sarà Cagliari-Torino alle 20:45 in uno scontro salvezza. Domani alle ore 15:00 scenderanno in campo all’Olimpico Lazio-Sampdoria, seguite da Genoa-Verona alle 18:00 e Sassuolo-Bologna alle 20:45. Un vero spezzatino, come ormai viene definito il campionato.

Parma e Udinese scenderanno in campo per il cosiddetto lunch-match della domenica, alle ore 12:00. Tutti i riflettori si sposteranno alle 15 sul derby della Madonnina tra Milan e Inter, le uniche a giocare in quella fascia oraria ed è facile capire il perché. Terminato lo scontro scudetto, ci sarà lo scontro Champions, tra due dirette concorrenti: Atalanta-Napoli alle 18:00. Insomma, il tifoso medio dovrà restare incollato alla tv o al suo tablet da pranzo fino a sera, quando poi andrà in onda Benevento-Roma alle 20:45.

E visto che la Juventus ha giocato in settimana la Champions League, la gara contro il Crotone è stata posticipata al lunedì sera. Dunque, le due squadre scenderanno in campo all’Ezio Scida alle 20:45.

E’ la prima volta che accade nel campionato italiano. Un tempo si andava allo stadio, e in contemporanea c’erano tante gare da seguire rigorosamente con la radiolina. Oggi, si è completamente ribaltata la situazione, complice anche la pandemia, che ha solo accelerato il processo di cambiamento dei palinsesti.