Manchester United-Milan: Romagnoli in tribuna: il motivo

Romagnoli salterà il match fra Milan e Manchester United. Andrà in tribuna nella partita più importante della stagione.

Manchester United-Milan perde Romagnoli, che vedrà il match dalla tribuna. Il difensore, nell’occhio del ciclone per alcune recenti prestazioni, non prenderà parte alla gara più importante della stagione. Pioli ha deciso di rinunciare al difensore, e si presenterà con Kjaer e il neoacquisto Tomori. I rossoneri perdono quindi un altro protagonista molto atteso, che si aggiunge ad una lunga lista di assenti in vista dell’imminente partita contro i Red Devils.

Pioli dovrà fare a meno di Ibrahimovic, Rebic, Calhanoglu, Mandzukic e adesso anche di Romagnoli. Un difensore importante per i rossoneri, che dovranno a tutti i costi cercare una rete in trasferta e blindare la porta di Donnarumma per poi giocarsi tutto fra le mura amiche. Lo stop al centrale costringerà quindi l’allenatore ad una serie di scelte forzate. Sono solo 7 infatti i calciatori in panchina, fra cui due portieri, il giovane Tonin, e poi Gabbia, Kalulu, Castillejo e Tonali. Pochi cambi ma tanta voglia di portare a casa un risultato positivo, nonostante l’assenza di Romagnoli che all’ultimo momento sembra avere accusato un problema fisico.

Leggi anche: Manchester United-Milan, i migliori restano a casa: tutti gli assenti

Manchester United-Milan: Romagnoli in tribuna: problema fisico per il difensore

Manchester United Milan: Romagnoli assente
Calhanoglu e Rebic assenti: alla lista degli infortunati si aggiunge anche Romagnoli in casa Milan (Getty Images)

Manchester United-Milan non sarà quindi la partita di Alessio Romagnoli, che si aggiunge all’ultimo minuto ad una lunga lista di assenze. I rossoneri sono in chiara emergenza, ma dovranno cercare una prestazione positiva e soprattutto un risultato importante nella trasferta inglese. Pioli però non ha scelta, perché il problema fisico rimediato dal centrale costringerà l’allenatore ad affidarsi a Kjaer e Tomori coppia comunque già rodata.

Scelta fatta e motivo già chiarito. Non si tratta di una decisione tecnica, ma di un problema fisico. Il difensore ha infatti rimediato un pestone nell’ultima partita di campionato, e pur provando a stringere i denti per non saltare l’impegno di Europa League, non è riuscito a rispondere alla chiamata del tecnico.

Non andrà quindi neanche in panchina, perché fra un difficile inseguimento in Serie A all’Inter, e il doppio confronto con i Red Devils, la stagione è nel momento più caldo e i rossoneri non vogliono rischiare. Resta quindi da capire se il calciatore tornerà o meno a disposizione per il prossimo impegno di campionato.