Ottavi di Europa League: un ritorno dai mille destini

Roma esulta in EL - Getty images
La Roma cerca il pass negli ottavi andando in Ucraina - Getty Images

Europa League tutta d’un sorso giovedì, ottavi di ritorno incandescenti

L’andata di Europa League ha regalato tante emozioni già negli ottavi di andata e almeno sei gare su otto con la massima incertezza. La coppa europea di riserva, considerata per molti, in realtà lancia sempre emozioni per i più affezionati e soprattutto voglia di rivalsa per big un po’ deluse. E in effetti, è una competizione che può portare anche in alto se affrontata con lo giusto spirito, regalando anche una qualificazione in Champions League.

Alle 18.55 le prime quattro gare in programma degli ottavi di ritorno, partendo da Dinamo Zagabria-Tottenham. All’andata 2-0 per gli inglesi, ma attenzione alla sorpresa. I croati non hanno nulla da perdere e il Tottenham, in trasferta, spesso dimentica la luce accesa. Perciò attendiamoci una gara incerta, anche se quando arriverà un eventuale gol di Kane praticamente i giochi finiranno lì.

Arsenal-Olympiakos ha un sapore ben diverso. Intanto i Gunners vorranno ripetersi dopo il 2-1 inflitto proprio domenica alla squadra di Josè Mourinho. E poi hanno un 3-1 maturato in Grecia abbastanza rassicurante, sarà l’occasione ancora per vedere Martin Odeegard, che sia giunto alla giusta maturazione?

Molde-Granada vedrà favoriti gli spagnoli, vincitori all’andata per 2-0. Ma guai a dare per vinto il Molde, che ai sedicesimi tolse nella gara di ritorno il ben più quotato Hoffenheim.

E poi, passiamo alla gara che più interessa gli interessi di quelle pomeridiane. La Roma andrà sul campo dello Shaktar per difendere il 3-0 interno. Il turnover di Parma ha già fatto capire come Paulo Fonseca considera l’Europa League un obiettivo primario.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Ecco i talenti di questa competizione

Alle 21 quattro scontri all’ultimo sangue

Arsenal con Lacazette in rete - Getty images
L’Arsenal vuole superare l’ostacolo Olympiakos e andare ai quarti – Getty images

Sicuramente Milan-Manchester United è la gara con maggior prestigio e coppe messe in bacheca. Sarà una sfida tra compagini dall’andamento particolare, l’1-1 dell’andata è servito molto di più a un Milan incerottato e che punta a recuperare qualche suo elemento importante proprio all’ultimo minuto. Il Manchester potrebbe passare anche con un 2-2 o 3-3, ma deve fare attenzione in difesa, reparto non troppo congegniale ai Red Devils quest’anno.

Il Villareal difenderà il 2-0 dell’andata in casa contro la Dinamo Kiev. È una squadra che vuole rifarsi in Europa, il gol di Raul Albiol all’andata è stato il suggello che porta maggior sicurezza per questo incontro.

Rangers-Slavia Praga sono le squadre con più incertezza. Partirà favorito il gruppo di Stevan Gerrard, che all’andata fece un buon 1-1 in trasferta e potrà impostare anche una gara di ripartenze e catenaccio.

Young Boys-Ajax dovrebbe essere una partita di buona gestione per gli olandesi. Il 3-0 maturato dai lancieri, a meno di colpi eclatanti, non sarà in dubbio per la qualificazione, ma lo Young Boys in casa ha improvvisi colpi d’artista. E questo potrebbe dare ancora più interesse a un match che appare segnato in partenza.