Europa League “terra” di talenti: quali incroceranno la strada delle italiane?

I sorteggi di Europa League metteranno le italiane davanti ad una serie di talenti che stanno brillando nella competizione. C’è anche il rischio di un derby, che potrebbe venire fuori dalle urne oggi a Nyon. 

L’Europa League entra nel vivo, e il sorteggio di oggi a Nyon potrebbe mettere le italiane davanti ad una lunga lista di talenti che stanno brillando nella competizione. Alle ore 13 saranno sveltati gli accoppiamenti dei 16 club che hanno superato il primo turno ad eliminazione diretta. E le sorprese potrebbero essere tante. Le italiane sperano di evitare un derby, perché dal prossimo turno non saranno previste limitazioni geografiche e territoriali.

Dalle urne però, potrebbero venire fuori incontri interessanti per Milan e Roma, che vogliono evitare di incontrare una serie di giovani talenti in rampa di lancio continuità in coppa. C’è il rischio di incrociare il cammino dell’Arsenal, trascinato da Bukayo Saka. Il giovane inglese ieri ha trascinato i Gunners a suon di record. Con due suggerimenti per le reti di di Aubameyang, l’esterno offensivo ha raggiunto quota 8 Europa League e 17 nella stagione. E’ il migliore della squadre e leader nella classifica degli assistman nella competizione.

Altro pericolo è l‘Ajax di Antony e di una serie di talenti che nonostante la rivoluzione degli ultimi anni continuano a portare in alto il lancieri. Ieri gli olandesi hanno superato il Lille con le reti di Klassen e Neres. I protagonisti però sono stati Ryan Gravenberch, e Bryan Brobbey, entrambi del 2002. Il pericolo maggiore resta il Manchester United, cooperativa del gol trascinata da Bruno Fernandes. Probabilmente il miglior centrocampista in giro per l’Europa in questa stagione.

Leggi anche: La Serie A rimpiange Bruno Fernandes, record incredibile al Manchester

Europa League, brillano i talenti del 2000: le italiane sono avvisate

Europa League Abdallah Sima
Abdallah Sima, contro il Leicester in Europa League (Getty Images)

Alle ore 13 a Nyon inizieranno i sorteggi per il prossimo turno ad eliminazione dell’Europa League, che intanto mette in vetrina i talenti del futuro. Oltre a Bukayo Saka, che è forse il più incisivo nella competizione, un altro giovane in rampa di lancio è Abdallah Sima. La punta dello Slavia Praga ha già messo a segno 4 gol in questa edizione. Il senegalese, classe 2001, è paragonato ad Henry, ma il suo idolo e Manè. Fu visionato a lungo dalla Juventus, e i rumors di mercato, circa un anno fa, raccontarono di una chiacchierata informale fra i bianconeri e il suo club. In questa stagione i numeri parlano per lui. Quattro centri in Europa League, 11 in 14 presenze in Repubblica Ceca, per un bottino di assoluto valore.

Nella Dinamo Zagabria invece si sta mettendo in mostra Joško Gvardiol. Il diciottenne croato ha le tutte le caratteristiche del difensore completo. Forte sulle palle aeree, possente e dotato di gran corsa, ha aiutato la Dinamo Zagabria a blindare una difesa che nelle fasi a gironi ha incassato un solo gol, e che anche ieri ha chiuso tutti i varchi al Krasnodar. Entra di diritto fra i migliori talenti della Europa League, e lo sa bene il Lipsia, che lo ha già prelevato per una cifra record lasciandolo un altro anno a in Croazia.

Sempre in tema difesa, allo Shakhtar la differenza la sta facendo un portiere. Si tratta di Anatolii Trubin, diciannovenne ucraino che fra Champions ed Europa League ha giocato titolare già 7 partite, portando a casa 5 clean sheet in stagione. I pericoli per le italiane arrivano dai talenti che si stanno mettendo in mostra in questa edizione. Alle ore 13 l’urna di Nyon svelerà quali saranno gli ostacoli da superare per Roma e Milan.