Sampdoria-Verona, la gioia di stare al centro

Faraoni e Quagliarella - Getty images
Capitani coraggiosi: Faraoni e Quagliarella per una fascia d'orgoglio - Getty Images

Sampdoria-Verona mette in campo due squadre relativamente tranquille. Tecnici però con la valigia pronta e con calciatori in rampa di lancio.

La gara tra Sampdoria e Verona sarà un match senza eccessivi nervosismi di classifica. Si sono praticamente salvate con un gioco corale, non hanno avuto problemi nel corso della stagione e il merito va dato agli allenatori.

Claudio Ranieri è il normal man in un calcio che predilige a torto le star da copertina. Ne ha viste tante nella sua carriera, nella Sampdoria è riuscito a riportare calcio e pensieri tranquilli, per una squadra che merita la sua classifica. Con un buon attacco a livello di qualità, questa Sampdoria non ha mai spiccato il volo ma nemmeno ha avuto crisi di nervi.

I risultati arrivati in anticipo e qualche scalpo eccellente, come quello sull’Inter, hanno fatto la differenza. Ranieri ha costruito la sua Sampdoria sulla solidità e anche oggi il 4-4-2 dovrebbe essere la tattica di base dei doriani. Quagliarella avrà il posto assicurato in questo finale di stagione con il dubbio, arriverà il rinnovo o ci sarà un addio? È la stessa preoccupazione che si ha su Ranieri, i tifosi neutrali si augurano una doppia permanenza in Liguria di questi due protagonisti.

A proposito di gente in alto, da notare la crescita dei centrocampisti. Thorsby è in forma eccellente, Damsgaard potrà regalare qualche altra perla da qui al termine del torneo.

Voglia di stupire immutata

Contrasto - Getty images
Sampdoria e Verona in campo quasi per la gloria nel turno di domani – Getty Images

Il Verona degli ultimi tempi non ha raccolto grandi risultati. Nelle ultime cinque gare, ha perso quattro volte e ha vinto solo a Cagliari nel sabato pasquale. Troppo poco per gli scaligeri, forse già appagati per quanto riguarda la classifica.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Scaligeri già con la testa altrove ?

Juric non è contentissimo dell’andamento dei suoi, sta cercando di mischiare le carte e a Genova si presenterà con una formazione rinnovata. Rimane il dubbio su Dimarco, se farà il terzo centrale di difesa o sarà spostato sulla fascia sinistra, guadagnando un centrale difensivo in più ma con un cursore in meno.

In mezzo al campo c’è un po’ di confusione, la sicurezza è data dal tandem Zaccagni-Barak, i giocatori che avranno maggior mercato prossimamente. Lì davanti da valutare le condizioni di Kalinic, se avrà una fine di torneo convincente o se Juric punterà con decisione su Lasagna, pian piano integrato negli schemi tattici.

Scontenti, comunque, i tifosi del Verona, che non sembra essere in un momento brillantissimo. Qualche giocatore forse starà pensando alla destinazione futura, ma la maglia scaligera secondo i supporters deve essere onorata sino alla fine.

Un dato curioso: né Sampdoria e né Verona nelle loro precedenti sconfitte hanno rimediato ammonizioni. La Sampdoria sconfitta in casa con il Napoli, nonché il Verona contro la Lazio hanno rimediato zero gialli. Segnale di una grinta da ritrovare in campo.