Superlega, le reazioni dei leader politici: arriva il comunicato

Superlega comunicato
Florentino Perez, fra i possibili fondatori della Superlega (Gettyimages)

La Superlega ha scatenato la reazione durissima della Uefa e delle Federazioni: si muove anche la politica, ma i club annunciano battaglia e sarebbe pronto un comunicato. 

La Superlega diventa tema di dibattito anche per i leader politici, che hanno prima incassato il duro comunicato della Uefa e poi chiarito la posizione sul progetto dei club europeo. Le dichiarazioni di Boris Johnson e di Enrico Letta, danno la dimensione di quanto il calcio potrebbe essere stravolto da una nuova lega privata, che rischia di rivoluzionare tutte le competizioni in Europa. Che piaccia o meno, i club non sembrano intimoriti dopo il comunicato, e sarebbero pronti a rispondere con una nota ufficiale senza rinunciare alla Superlega.

Lo ha annunciato Sky, che racconta di una possibile risposta da parte di alcuni club, intenzionati a proseguire nel progetto in embrione e a renderlo ufficiale. Intanto però si muove la politica, e le parole del segretario del PD e del primo ministro del Regno Unito, allargano il discorso alla politica. Potrebbe essere la più grande rivoluzione nella storia del calcio, e sancire la rottura fra i top club europei con gli organi che governano il calcio.

Una frattura che spaventa e che potrebbe portare ad un ridimensionamento dei campionati nazionali e delle competizioni continentali. Con molta probabilità l’intervento della politica è dovuto alle sollecitazioni in arrivo dal mondo dello sport, ma anche questo dato certifica che i fondatori della Superlega non vogliono mollare. E ci sarebbe un comunicato imminente in risposta alla Uefa.

Leggi anche: SuperLega, duro comunicato della Uefa: la minaccia ai club

Superlega, le parole di Letta e di Johnson: e intanto i club potrebbero rispondere al comunicato Uefa

Si profila quindi un braccio di ferro che ha già prodotto il comunicato minaccioso della Uefa e delle Federazioni agli ideatori della Superlega. Un passaggio così roboante da essere sottolineato dal mondo della politica. In Italia è intervenuto Gianni Letta, che con una nota social ha detto la sua sul tema. “L’idea di una SuperLega per i più ricchi club europei di calcio? Sbagliata e decisamente intempestiva. In Europa il modello NBA non può funzionare. Nel calcio e nello sport la forza sta nella diffusione, non nella concentrazione. E nelle belle storie tipo Atalanta, Ajax, Leicester.”

Dall’Inghilterra tuona invece Boris Johnson. “I piani per una Superlega Europea sarebbero molto dannosi per il calcio europeo – ha dichiarato il primo ministro britannico – e sosterremo il modo di agire delle autorità calcistiche. Prima di compiere ulteriori passi, i club coinvolti dovranno rispondere ai tifosi e alla più ampia comunità calcistica”.

La risposta auspicata da Johnson potrebbe arrivare. Da Sky Calcio Club arriva la notizia di una nota in arrivo dai club coinvolti nel progetto Superlega, che in un comunicato firmato da più di 10 club, potrebbe fare chiarezza sull’idea e sui prossimi passi. Si profila una battaglia che coinvolgerà il mondo del calcio, i massimi organi competenti e la politica. Un progetto che prima ancora di nascere, ha già creato il terremoto e divide i tifosi.