Dragowski, missione (quasi) compiuta: l’asta è pronta

Dragowski - Getty Images
Il portiere gigliato potrebbe lasciare presto Firenze - Getty Images

Dragowski è il punto fermo della Fiorentina, ma il calciomercato potrebbe regalare un salto di qualità al bravissimo portiere polacco.

La maturazione di Dragowski è arrivata nel momento peggiore della Fiorentina. Il polacco a suon di parate è riuscito a mantenere alta la guardia, e se la squadra viola non è già in Serie B lo deve al suo estremo difensore. Al quale serviva fiducia, e l’ha ricambiata con grandi prestazioni. Dopo il prestito maturato ad Empoli è diventato così un imprescindibile. Già in azzurro aveva fatto vedere cose strabilianti, conquistando il posto di titolare di Provedel e tenendo in vita i toscani sino all’ultima giornata.

Con la Fiorentina poche soddisfazioni di classifica e tanto lavoro oscuro. Perché il polacco tiene bene la difesa, sa far sponda e soprattutto riesce a farsi trovare spesso in giornata di grazia. Tante le giornate di imbattibilità, nonostante tutto, per la squadra viola, sia Iachini e sia Prandelli hanno spesso beneficiato di interventi salvifici.

Arrivati così quasi alla fine del campionato, la consapevolezza è di un portiere ormai maturato, che meriterebbe di stare a Firenze almeno una decina d’anni. In una porta che, dopo Frey, ha avuto vari protagonisti, non tutti fortunatissimi. Viviano, Neto, Tatarusanu, Sportiello e Lafont (appena riscattato dal Nantes) fra questi, Dragowski forse è quello che può dirsi già erede diretto del francese, a distanza di tanti anni.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> L’erede di Batistuta è maturato sempre più

Tante opzioni per il futuro

Dragowski presa alta - Getty Images
Il polacco Dragowski spesso decisivo per le sorti della Fiorentina – Getty Images

Purtroppo per la Fiorentina, il portiere ha attratto tante sirene, e quest’estate le offerte non mancheranno. C’è intanto il valzer dei portieri che in Serie A è spesso all’ordine del giorno. Cerca un portiere l’Inter, che però si muoverà in decisione o su Musso o su Silvestri. C’è un’opzione Lazio, e qui gli indizi possono essere anche più corposi.

Reina è il portiere del presente e non del futuro, Strakosha è ormai insofferente e vuole ripartire altrove. Dragowski sarebbe il portiere ideale, un portiere in maturazione per una squadra che anche in difesa dovrà trovare nuovi protagonisti.

C’è un interesse anche del Milan, prima di capire se la meglio gioventù saluterà Milanello. Tutto ruota intorno a Gigio Donnarumma e al suo rinnovo, una volta capite le intenzioni ci saranno le prossime mosse. L’ingaggio di Mirante come vice servirà solo a riempire una casella, per il titolare se ne saprà di più prossimamente.

In Italia il mercato si ferma qua, all’estero no. Perché interessa a varie squadre della Premier League e anche in Bundesliga sarebbe un profilo ideale. Si avvicinerebbe, in tal caso, alla sua Polonia e non sarebbe un’opzione da scartare.

E c’è la variabile degli Europei, intanto per strappare una convocazione contro una generazione di portiere mai così ampia da quelle parti. Polonia terra di portieri, chi lo avrebbe mai pensato?