Superlega, decisione UEFA su Real, Juve e Barcellona: UFFICIALE

Real Madrid, Juventus e Barcellona sotto accusa: l’UEFA apre un’indagine sul progetto Superlega, il comunicato ufficiale.

Il torneo è naufragato, ma le polemiche non cessano. l’UEFA ha aperto un’indagine contro Juventus, Real Madrid e Barcellona sul progetto Superlega. Le tre società non hanno ritrattato l’uscita dall’associazione come le loro partner, che invece hanno preso accordi – anche economici – con l’organo calcistico europeo.

Dunque, i big three non hanno fatto alcun passo indietro e ora rischiano di pagare alcune care conseguenze. Infatti, la commissione disciplinare dell’UEFA ha informato che è in atto l’apertura di un’indagine e sono stati già incaricati degli ispettori. Ecco le ragioni per cui la Juve e gli altri due club spagnoli rischierebbero gravi sanzioni.

Leggi anche >>> Superlega, la Uefa non scherza: Champions stravolta 

Superlega, l’UEFA: “Aperta un’indagine per potenziale violazione delle norme”

Superlega comunicato Uefa
Aleksander Ceferin presidente della UEFA (Getty Images)

La Commissione disciplinare dell’UEFA ha aperto l’indagine contro Juventus, Real Madrid e Barcellona in relazione al progetto Superlega. Stando alla nota ufficiale diffusa dall’organo calcistico europeo, sono stati già designati degli ispettori disciplinari che proveranno a fare chiarezza sulla questione.

L’indagine sarebbe stata aperta poiché i tre club – ancora facenti parte dell’associazione – “avrebbero potenzialmente violato alcune norme del quadro giuridico dell’UEFA“. Ulteriori informazioni saranno rese note solo successivamente, si legge nel comunicato ufficiale.

Dunque, non è chiaro a quali tipo di sanzioni andranno incontro Juve, Real e Barcellona. Resta però aperta la guerra tra l’UEFA e i tre club, che solo qualche giorno fa avevano chiesto maggiore dialogo e collaborazione con i dirigenti. Ora solo la giustizia sarà in grado di dimostrare l’innocenza o la violazione di alcune regole che la squadra italiana e le due spagnole non avrebbero rispettato, aderendo al progetto della Superlega.