Salernitana modello Carpi? C’è il pressing di Castori

Castori tecnico Salernitana- Getty Images
Fabrizio Castori alla guida della Salernitana anche in Serie A - Getty Images

La Salernitana di Fabrizio Castori potrebbe intraprendere un viaggio all’insegna della nostalgia. La meta di Carpi e il ricordo di qualche stagione fa può rimettere in moto il mercato.

La Salernitana, in attesa di giudizio per quanto riguarda i quadri dirigenziali, deve pensare anche ad allestire una squadra competitiva per il prossimo campionato. Dare in mano a Fabrizio Castori un gruppo rinnovato è la necessità, anche perché molti dei granata erano in prestito, perciò la rivoluzione è una conseguenza da effettuare nei prossimi mesi.

Il tecnico, che ha ritrovato la verve dei tempi perduti, ripensa a quanto fatto a Carpi, quando andò in Serie A tra lo stupore generale di tutti gli esperti. Un po’ come ha fatto in questa stagione con le dovute proporzioni, Salerno come piazza era molto più avvezza rispetto a Carpi nel lottare per qualcosa in più.

La Salernitana e Fabrizio Castori, dunque, puntano alla salvezza, per fare ciò c’è bisogno di gente affidabile. Il tecnico marchigiano – non è un mistero – ha sempre gradito i ritorni. In porta, non a caso, in questa stagione si è affidato a Belec, che già aveva avuto proprio nell’avventura emiliana. Perciò, perché non contattare anche gli altri protagonisti di quella avventura?

Almeno quelli in odor di cessione possono virare verso Salerno. E sono decisamente tanti i calciatori da contattare.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Tutino può far volare i granata

L’asse Carpi-Salerno per tornare ai vecchi tempi

Letizia con Vigorito - Getty Images
Un abbraccio tra Letizia e Vigorito: ci sarà addio tra le parti – Getty Images

Tanti i calciatori che possono fare al caso della Salernitana, lo sa bene Fabrizio Castori. In particolar modo sulle fasce possono esserci i primi accorgimenti. Se Casasola può garantire la giusta spinta a destra, a sinistra il mercato potrebbe regalare Letizia in uscita dal Benevento. Sarebbe un acquisto oneroso, ma senza dubbio duraturo. Il terzino ritroverebbe il suo mentore, non si sposterebbe geograficamente più di tanto e diventerebbe poi il padrone assoluto della zona laterale.

Per quanto riguarda la difesa un tentativo arriverà per Struna, appena svincolato, più difficile arrivare in porta a Gabriel, che fu protagonista nell’anno della promozione a Carpi. Soprattutto, da valutare un tentativo per Gagliolo, dopo tante stagioni a Parma potrebbe tentare l’avventura nella Salernitana. Può giocare a destra e al centro, Castori privilegia anche giocatori duttili e spendibili in più zone del campo.

Alzando la testa in avanti, in tre potrebbero interessare. Su Di Gaudio c’è qualche perplessità: negli ultimi anni è stato il portafortuna per le promozioni dalla B alla A, la sua “nomea” si è interrotta al Chievo. Da un po’ di tempo cerca continuità, come elemento di rincalzo potrebbe anche starci.

Il sogno sarebbe una punta mobile da affiancare a Tutino. Lasagna e Inglese, altri due elementi svezzati da Castori hanno storie diverse. Il calciatore del Parma è stato quasi sempre ai box nella stagione appena conclusa e potrebbe muoversi. Su Lasagna, invece, il Verona ha investito dieci milioni, difficilmente se ne priverà a breve termine.