Il pendolino Parisi scalpita: Empoli è il trampolino

Parisi controllo palla - Getty Images
L'Empoli ha un pendolino d'oro sulla corsia sinistra - Getty Images

Fabiano Parisi è il futuro dell’Empoli e forse anche del calcio italiano. Un classe 2000 da tenere d’occhio in vista dell’esordio in Serie A.

L’Empoli sorride grazie a una campagna acquisti che dà sempre i suoi frutti. Non bastassero gli ottimi risultati del proprio settore giovanile, la dirigenza toscana spesso intravede e capta talenti anche al di fuori delle proprie mura. Come nel caso, ad esempio, di Bennacer scartato dall’Arsenal, così come di tanti altri elementi lanciati in Toscana.

Nella lista dell’Empoli si potrà inserire tra qualche tempo anche Fabiano Parisi, classe 2000 prelevato dall’Avellino per mezzo milione d’euro due stagioni fa. Una cifra importante ma nemmeno troppo esagerata, se consideriamo il potenziale già espresso dal ragazzo, che aveva ricevuto la benedizione di Eziolino Capuano. Che, al di là di tutto, aveva già visto il terzino esprimersi in campo, ben augurandogli una carriera in Serie A.

Massima serie arrivata ad Empoli anche grazie alle sgroppate del giovane terzino, promosso da Alessio Dionisi con fiducia. Speranza ripagata e risultati concreti, sulla sinistra il calcio italiano ha scoperto un nuovo elemento interessante su cui far aprire il dibattito. Può giocare da laterale nella classica difesa a quattro, così come può essere allargato in caso di centrocampo a cinque come esterno su tutta la zona sinistra del campo. Il fiato e i polmoni non mancano di certo.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Il reparto arretrato ha qualche sussulto

Il rimpianto di Benevento

Parisi vs Tello - Getty Images
L’empolese Parisi rivelazione del torneo cadetto – Getty Images

Fabiano Parisi è soprattutto un rimpianto del Benevento. Si citava prima ai talenti lasciati ad andare con rammarico e lui può far parte di questa lista, quando il Benevento liberò il suo cartellino nel 2017. Si trasferì di qualche chilometro, andò ad Avellino e divenne il “pendolino di Serino”, luogo d’origine del ragazzo non proprio accessibile di primo acchito.

Così, gara dopo gara prima l’avventura in Serie C, poi il salto con l’Empoli che lo ha valorizzato, nonché la consequenziale convocazione nell’under 21 di Nicolato non arrivata… per infortunio. Sarebbe stato tra i protagonisti recenti ma l’infortunio anche serio, la frattura composta del perone destro rimediata nell’ultima giornata, lo ha messo ai box per alcuni mesi.

Fabiano Parisi comunque non molla, sa che non mancheranno le occasioni. Così come non mancano i corteggiatori che chiedono informazioni all’Empoli. Addirittura dal Groningen, che nel mese di marzo insisteva sul talento irpino per impostare un trasferimento già a luglio.

È seguito dal Napoli, che vorrebbe una sorta di prelazione sul talento. Per il momento non si muoverà da Empoli, ma non è esclusa la cessione nell’estate del 2022: il suo contratto è in scadenza al 2023, potrebbe essere naturale un cambio d’aria.

Per ora l’unico azzurro da vestire è quello empolese. Che aspettava da tempo un terzino sinistro di pura classe e senza troppi fronzoli, un po’ come lo aspettava il calcio italiano.