Mourinho si presenta alla Roma e cancella l’Inter: che stoccate

mourinho Roma Inter
José Mourinho (GettyImages)

É il Mourinho day a Roma: nel giorno della presentazione l’allenatore ha citato Marco Aurelio lanciando frecciate a Conte e all’Inter.

Jose Mourinho allenatore Roma
José Mourinho, nuovo allenatore della Roma ha parlato di mercato, con qualche stoccata a Conte e all’Inter (GettyImages)

Roma ha il suo nuovo condottiero. É José Mourinho, che fra un murales, una foto in vespa e i messaggi ai tifosi, si è già preso la piazza. C’era attesa per la sua conferenza stampa. Nelle sue “prime” davanti ai microfoni all’Inter e negli altri club, le sue parole non furono mai banali. Anche davanti alla piazza giallorossa lo Special One ha acceso l’entusiasmo, parlando di Ronaldo, di Marco Aurelio, e lanciando frecciate indirette ma abbastanza chiare.

“Sono qui per la Roma – ha dichiarato sul suo ritorno in Italia – e non per dare qualcosa al calcio italiano. Se accadrà sarà un di più, ma sono l’allenatore di questa squadra, farò tutto per difenderla e per divertirci”. Poi la citazione. “Sono qui perché siamo vicini alla statua di Marco Aurelio. Un significato simile a quello che ho avvertito quando ho parlato con Dan e Ryan Friedkin. Vogliono fare qualcosa con passione e in maniera sostenibile. Il mercato? Parlo con Tiago Pinto e con la società. Per il resto non ho affrontato il tema con nessuno”. Poi una frecciata netta.

Leggi anche: Mercato Milan, la stella del Real Madrid nel mirino: l’offerta

Mourinho, stoccata all’Inter? “La proprietà vuole altro”

mourinho roma Inter
José Mourinho, allenatore della Roma, ha lanciato frecciate all’Inter (GettyImages)

Nel giorno della presentazione alla Roma, Josè Mourinho ha svelato il progetto condiviso con i Friedkin, e una sua particolare dichiarazione sembra diretta all’Inter. Proprio alla sua ex squadra, alla quale è legato. O forse ad Antonio Conte. “Non parliamo di titoli, sarebbe una promessa facile. Bisogna invece ragionare sul tempo. Sul progetto. Se miglioriamo allora arriveranno anche i titoli. La proprietà non vuole un successo isolato, ma vuole alzare il livello e restare in alto. Un successo isolato è facile se vinci e poi non hai i soldi per pagare gli stipendi”.

Sembra una frase diretta all’Inter, mentre quella per Conte è netta. “Ci sono allenatori che non puoi paragonare. Ad esempio qui non puoi fare paragoni con Liedholm o Capello. E in nerazzurro non puoi paragonare nessuno a me o Herrera”. Diretto, chiaro, spontaneo. L’avventura di Mourinho a Roma parte col botto. Ora la prova più difficile, quella del campo. Ma le motivazioni allo Special One non sembrano mancare.