Fiorentina, tensione tra Italiano e i tifosi in ritiro: cosa è successo

Momenti di tensione tra Italiano e alcuni tifosi nel ritiro della Fiorentina a Moena: la ricostruzione su quello che è davvero successo.

Vincenzo Italiano Spezia
Vincenzo Italiano sulla panchina dello Spezia (fonte foto GettyImages)

Tensione tra Vincenzo Italiano e alcuni tifosi. Non inizia con il piede giusto l’avventura del tecnico alla Fiorentina. Un’avventura partita in maniera rocambolesca dopo la rottura improvvisa tra i Viola e Gennaro Gattuso. Una frattura incredibile e molto clamorosa che ha portato la dirigenza a guardarsi nuovamente attorno fino a scegliere proprio il tecnico dello Spezia come nuova guida per un progetto che deve portare al definitivo rilancio dopo tre anni di era Commisso.

Ma al momento i dubbi sono tanti, soprattutto sulla squadra. Anche la Fiorentina, come tanti altri club in Europa e nel mondo, è ferma per alcune difficoltà economiche dopo l’acquisto dell’attaccante Nico Gonzalez. Serve vendere, e in molti temono che possa essere ‘sacrificato’ il top player della squadra, Dusan Vlahovic. Da qui un po’ di tensione a Moena.

In realtà a rendere però effervescente, a dir poco, il ritiro della Viola in Trentino Alto-Adige non sono stati però i tifosi del club gigliato, bensì quelli di un altro club legato, non più direttamente, al nuovo allenatore, che avrebbe anche reagito ad alcune provocazioni. Ecco la ricostruzione secondo alcune fonti presenti sul posto.

Leggi anche -> La Fiorentina parla Italiano: gli alibi viola sono finiti

Tensione tra Italiano e i tifosi

Vincenzo Italiano Spezia
Vincenzo Italiano (fonte foto GettyImages)

Ad attaccare Vincenzo Italiano non sono stati i suoi nuovi tifosi, bensì quelli dello Spezia. L’addio a dir poco improvviso del tecnico al club ligure ha evidentemente lasciato i sostenitori della squadra molto delusi, anche sul piano umano. Questo per vari motivi. Italiano era infatti stato l’artefice della grande scalata dello Spezia e anche lo scorso anno aveva costruito una salvezza molto importante. Sembrava dunque destinato a una grande squadra, o almeno a un salto di qualità anche dal punto di vista economico.

Invece, aveva accettato il rinnovo di contratto con il club bianconero, salvo poi fare dietrofront non appena la Fiorentina ha bussato alla sua porta. Il tutto per un miglioramento contrattuale che, a detta dei tifosi spezzini, sarebbe stato ben poco rilevante per le sue tasche.

Potrebbe interessarti -> Fiorentina, il record “Italiano” di Commisso: meglio…o peggio di Cellino e Preziosi

Provocato su questo punto, secondo quanto riferito da La Nazione, il tecnico non ci avrebbe più visto e avrebbe deciso di rispondere ai rancorosi sostenitori dello Spezia affermando di aver allenato la loro squadra per due anni da sottopagato. Una risposta incendiaria che non ha certo sedato gli animi e ha lasciato attoniti tutti i tifosi viola, circa un centinaio, presenti al campo.