Juventus, Barcellona e Real: scacco all’UEFA, la Superlega si farà

Juventus, Barcellona e Real Madrid annunciano che la Superlega si farà: respinto il ricorso dell’UEFA, che cosa è successo.

juventus superlega
Andrea Agnelli (GettyImages)

Arriva la conferma del Tribunale di Madrid: l’UEFA dovrà cessare le minacce e le azioni intraprese contro Juventus, Barcellona e Real Madrid, promotori della Superlega. I tre club hanno diramato un comunicato congiunto e hanno sottolineato la loro soddisfazione per il ricorso respinto all’UEFA.

L’organo calcistico europeo dovrà rimuovere le penalizzazioni a tutti i club interessati nel progetto della Superlega, anche le restrizioni imposte alle nove società che si sono tirate indietro. Ma il vero annuncio è un altro. Il torneo in qualche modo si farà.

Leggi anche >>> Serie A, ok alle cinque sostituzioni: per quattro mister sarà una novità

Juventus, Barcellona e Real Madrid: “La Superlega continua”

florentino perez
Florentino Perez, uno dei promotori della Superlega (Getty Images)

I tre promotori dell’innovativo e tanto discusso progetto calcistico si sono detti soddisfatti del lavoro del Tribunale di Madrid che ha stroncato i piani dell’UEFA. Ma soprattutto hanno alzato la voce contro Ceferin e tutti i suoi collaboratoi: “La posizione monopolistica e in conflitto d’interessi danneggia il calcio e il suo equilibrio competitivo“. Poi l’attacco al Fair Play Finanziario: “I controlli finanziari sono inadeguati e sono stati applicati impropriamente“.

Le tre società sputano veleno ma soprattutto annunciano che il progetto Superlega continuerà: “Sviluppiamo l’idea in modo costruttivo e collaborativo. Siamo consapevoli che alcuni punti dovranno essere rivisti attraverso dialogo e consenso. Rimaniamo fiduciosi nel successo di questo progetto che sarà sempre rispettoso della normativa dell’Unione Europea“. Insomma, il dietrofront di qualche mese fa è stato solo temporaneo. L’UEFA dovrà smetterla di minacciare i club e dovrà interrompere ed eliminare tutte le penalizzazioni previste. Il calcio va verso un cambiamento epocale e chissà se questa volta i club ascolteranno i tifosi.