“Mi ha chiesto 50mila euro”: la confessione della moglie di Paolo Rossi

La vedova di Paolo Rossi ha confessato di aver ricevuto una richiesta di 50mila euro per poter riavere indietro una maglia del marito.

Paolo Rossi San Siro
Paolo Rossi omaggiato a San Siro (fonte foto GettyImages)

Nessuno dimentica Paolo Rossi. Il mitico Pablito, eroe dei Mondiali dell’82, è scomparso solo pochi mesi fa, la sua memoria è vivissima nel cuore di tutti noi. Per questo motivo la vedova, Federica Cappelletti, sta cercando di riavere uno dei cimeli storici più importanti della sua carriera, la mitica maglia numero 20 della finalissima con il Brasile in cui andò a segno tre volte, portando all’Italia la sua straordinaria terza Coppa del Mondo.

Capire quanto sia amato in tutto il mondo aiuta ad affrontare il dolore“, ha confessato in un’intervista al settimanale Oggi la signora Rossi, che vuole tenere sempre vivo il ricordo del marito nel cuore di tutti i tifosi, di chi ama il calcio ma anche di chi semplicemente ha avuto la grande fortuna di conoscere il Paolo Rossi uomo.

Nonostante il dolore, Federica ha scelto di andare avanti, per lui e per le sue bimbe, per quella voglia di vivere che ha sempre mostrato in ogni sua iniziativa. E per questo ha scelto di impegnarsi al massimo in questa sua missione, che non può però prescindere dal recupero del cimelio più prezioso, al momento nelle mani di un ex calciatore brasiliano.

Leggi anche -> Paolo Rossi, una storia da film: presto sugli schermi

Maglia Paolo Rossi: servono 50mila euro

Gravina Federica Cappelletti
Gabriele Gravina con la moglie di Paolo Rossi, Federica Cappelletti (fonte foto GettyImages)

Quella maglia, quel mitico numero 20, è diventata l’effigie di quel Mondiale e di tutti i trionfi della Nazionale italiana. Per questo motivo la Federazione italiana giuoco calcio e la signora Rossi stanno cercando in tutti i modi di riaverla. Ma che fine ha fatto?

Per una serie di circostanze fortuite è in possesso di Juninho, calciatore di secondo piano del Brasile ’82. A dargliela fu una persona dello staff azzurro dopo la finale dei Mondiali, probabilmente un magazziniere, senza nemmeno badare a che maglia fosse. Lui era infatti entrato negli spogliatoi solo per chiedere una maglia azzurra da scambiare, a prescindere dall’appartenenza: quando vide che era di Pablito ne fu davvero sorpreso.

Dopo il decesso ha deciso di mettere il cimelio all’asta, con una base di 50mila dollari. Ma quando la signora Rossi gliel’ha richiesta, evidentemente ha cambiato idea. Sull’asta, non sulla somma. Lo ha specificato nell’intervista la stessa Federica Cappelletti: “Sì, mi ha chiesto 50mila euro. Non glieli ho ancora dati, prima vorrei che mi arrivasse la maglia“. Dovrebbe arrivare a settembre, ma purtroppo il Covid ha rallentato le operazioni e non è detto che non possa esserci un nuovo rinvio.

Potrebbe interessarti -> Pelé su Maradona e Paolo Rossi: “Mancano, quanti aneddoti”

Dopo, finalmente potrà essere esposta in un museo a Vicenza, per essere di tanto in tanto prestata a uno itinerante che viaggerà in tutto il mondo.