Paolo Rossi, una storia da film: presto sugli schermi

Paolo Rossi avrà un film a lui dedicato: la grande storia di un eroe italiano sarà presto su pellicola.

Paolo Rossi sala Coverciano - Getty Images
Il ricordo di Paolo Rossi è sempre vivo nei cuori – Getty Images

Il ricordo di Paolo Rossi è sempre vivo nei cuori di quanti lo hanno amato. Generazioni intere sono uniti nel celebrare il grande campione, che ci ha lasciato troppo presto un vuoto importante. Amato e stimato nel mondo del calcio, per i suoi gol e per il suo essere, il centravanti sarà ricordato in un film. Di qualche giorno fa l’indiscrezione confermata sull’opera che si concentrerà sulla vita dell’italiano. Una vita importante, fatta di tante cadute e di risalite importanti, nonché di un mese mondiale entrato per sempre nella storia dell’Italia.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Il suo Vicenza, intanto, è cresciuto 

Il film su Paolo Rossi vedrà la partecipazione della seconda moglie Federica Cappelletti, che ne sarà autrice e sceneggiatrice. È stato un grande amore il loro, suggellato dalle tante iniziative e dall’affetto che i suoi compagni dell’Italia ’82 non fanno mai mancare nei riguardi della signora.

La regia sarà affidata a Walter Veltroni, ex sindaco di Roma che ha curato, tra le altre cose, anche i documentari sulla vita di Fabrizio De Andrè ed Enrico Berlinguer. In questo caso, Paolo Rossi sarà interpretato da un attore e i provini inizieranno a breve per trovare il Pablito cinematografico più adatto.

Un’opera da non perdere

Ricordo di Rossi - Getty Images
Un film su Pablito, ricordato in tutta Europa e oltre – Getty Images

Il film sul magico numero 20 dell’Italia campione del mondo sarà un evento da non perdere, proprio per la magia che creò Pablito in quel mondiale del 1982. Lasciando da parte quanto era accaduto prima, con la squalifica pesante da digerire, arrivò in Nazionale anche con polemiche: Enzo Bearzot, per convocarlo, mise da parte Roberto Pruzzo.

Quella scelta nel primo girone non fu ripagata, i tre pareggi dell’Italia non erano stati incoraggianti. La vittoria contro l’Argentina, all’inizio del secondo girone, fu il buon auspicio. La gara contro il Brasile, invece, l’apoteosi. Paolo Rossi, una, due, tre volte. Si era svegliato, lo aveva fatto con fragore e divenne l’uomo che fece piangere la nazionale verdeoro con più qualità di sempre, dopo quella di Pelè.

L’attaccante italiano si ripetette poi con la doppietta alla Polonia e aprendo la finale contro la Germania Ovest. Con sei gol divenne capocannoniere del mondiale, campione assoluto e Pallone d’Oro: il 1982 fu l’anno del suo grandissimo riscatto, cui sommiamo anche lo scudetto con la Juventus conquistato con poche presenze dopo due anni di inattività.

Fu poi apprezzato opinionista televisivo, lasciò in tutti un gran ricordo che ora sarà impresso su pellicola. Con la produzione affidata a Palomar, questo lavoro sarà un ulteriore omaggio a uno dei grandi uomini che hanno reso celebre l’Italia. Con la voglia di riscatto, con l’ambizione e con quell’orgoglio che arriva già vedendo sventolare un tricolore da lontano.