Terremoto Barcellona, senza Messi anche Aguero lascia: il piano del Kun

Incredibile a Barcellona, Laporta è sotto assedio: dopo l’addio di Messi, anche Aguero sta valutando di lasciare il club. Cosa sta accadendo.

aguero barcellona
Sergio Aguero in rotta di collisione con il Barcellona (GettyImages)

Laporta è sotto assedio. A Barcellona l’addio di Messi assume i contorni di una vicenda che non è mai accaduta nel mondo del calcio. Tifosi in contestazione, conti in rosso, e un clima infuocato attorno ad un club che non riesce a gestire una situazione molto complicata. E in un momento delicatissimo, forse il più difficile della storia blaugrana, arriva dalla Spagna una notizia che potrebbe sconvolgere la Liga e i sostenitori del Barca. Pare infatti che Sergio Aguero sia su tutte le furie dopo il mancato rinnovo con l’amico e compagno in nazionale. E avrebbe dato mandato per una rottura che sarebbe altrettanto incredibile.

Leggi anche: Manchester City, Guardiola annuncia l’addio di un big: spazio libero per Messi?

Barcellona, dopo Messi lascia anche Aguero? La notizia è clamorosa

Sergio Aguero - Getty Images
Sergio Aguero valuta di lasciare il Barcellona – Getty Images

La notizia bomba arriva dalla Spagna, e potrebbe condizionare non solo il futuro blaugrana, ma anche stravolgere il calciomercato in tutta Europa. Dopo l’addio di Messi, Sergio Aguero è su tutte le furie, e avrebbe accusato il Barcellona di non aver mantenuto fede alla promessa di trattenere l’amico. Il suo passaggio nel club sarebbe stato fortemente condizionato dalla volontà di riunirsi con la pulga, ma l’addio, e l’imminente trasferimento a Parigi, potrebbe indebolire il reparto offensivo a disposizione di Koeman, e stuzzicare tanti club alla ricerca di attaccanti sul mercato.

Pare infatti che il Kun abbia dato mandato agli agenti di studiare le carte del suo contratto, in modo da valutare un eventuale addio al Barcellona. Sarebbe l’ennesimo schiaffo in faccia a Laporta, che non è riuscito a risollevare una società travolta dai debiti dopo le ultime gestioni e che potrebbe essere ricordato come il presidente che non ha saputo trattenere le leggende del calcio.