Qualificazioni al mondiale: tutto si decide nelle prossime gare

Le gare di qualificazioni al mondiale riprendono con alcuni match davvero interessanti. Più passa il tempo meno c’è da recuperare…

Luis Enrique - Getty Images
Nelle gare delle qualificazioni al mondiale, la Spagna attende news dalla Svezia … Getty Images

Il mese di ottobre è decisivo per le qualificazioni al mondiale. In un calendario strapieno come questo, le gare delle nazionali diventano così il momento per far rifiatare, ma solo di poco, i club, mentre i giocatori sono premuti sin da ora fino all’ultima goccia di sudore.

Perché con i verdetti ancora aperti non è semplice stabilire e vedere quanta energia ci possa essere in queste gare. Oppure chi tirerà un po’ il fiato anche in campo, perché le qualificazioni al mondiale possono riservare sempre delle sorprese.

Lo sa bene la Spagna, che ma guarderà con grandissimo interesse il match tra Svezia e Kosovo. Sulla carta non ci dovrebbero esser problemi per Isak e compagni, tornando almeno nella parità dei match disputati. La Svezia potrebbe proprio qualificarsi da prima nel girone B, avere quanto più vantaggio possibile rispetto agli spagnoli sarà un margine importante, in vista dell’ultimo match con lo scontro diretto che si giocherà proprio in Spagna.

Grande attesa quindi perché da una parte si spera… e dall’altra si “gufa”. Mai come in questo caso, accedere al mondiale qatariota porta in sé un sacco di significati.

I mondiali invernali e i pass autunnali

Haaland premiato - Getty Images
Haaland sfila con un trofeo: nella Norvegia lo attende un salto di qualità – Getty Images

Chiaramente, nelle gare per la qualificazione al mondiale c’è chi guarda con fiducia al proprio futuro. Come nel caso della Danimarca, ormai sicura della qualificazione, dopo un grande inizio nel girone F. Sei vittorie in sei gare, 22 gol realizzati, zero subito: difficile fare meglio. La trasferta in Moldavia non sarà nulla di complicato, conquistare altri tre punti per il primato certificherà il buon momento dei danesi.

Molto più equilibrio nel girone G, con tre gare importantissime. La lotta per il primato è ancora apertissima, così come quella per il secondo posto. Gibilterra ospiterà Montenegro, per quest’ultima una ghiotta occasione ancora per inserirsi nel discorso qualificazione.

Il big match sarà tra Turchia e Norvegia. Da una parte una nazionale che ha deluso ad Euro2020, ma fa sempre il suo nelle gare di qualificazione. Dall’altra una Norvegia che non può più attendere, vuole il suo posto tra le grandi. E ne avrebbe un po’ ragione, perché i vari Odegaard, Haaland e Hauge possono davvero recitare un ruolo da protagonisti. Così come gli olandesi, con Louis Van Gaal sembrano comunque rinsaviti e cercano conferme in Lettonia.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Chiellini e la confessione inattesa

Ben più definita la situazione della Germania. Un mese fa ha strapazzato l’Armenia, facendo capire come i tedeschi non siano una squadra che lasciano punti nelle qualificazioni per i mondiali. Il match contro la Romania potrebbe ancora riservare una goleada, per una nazionale che sembra essere ripartita con solide basi e nuove intenzioni.