Spezia si festeggia: compleanno tra storia e presente

È il compleanno numero 115 per lo Spezia. Una data storica, celebrata in una giornata senza campionato e con un passato di grandi ricordi.

Spezia in festa  - Getty Images
Lo Spezia festeggia il suo compleanno, è nato nel 1906 – Getty Images

Lo Spezia celebra i suoi 115 anni portati bene. Il compleanno della squadra ligure è anche l’occasione per i tifosi di stringersi intorno al gruppo bianconero, con la missione della salvezza che appare un tantino più complicata in questa stagione.

Regalare la seconda permanenza di fila ai tifosi è l’obiettivo stagionale e anche in questo giorno di compleanno la mente della società in mano ai Platek e dello staff tecnico è rivolta alla missione da compiere. La torta e le celebrazioni sono in tono minore, non mancano le iniziative sui social e quelle che mettono al centro il calcio a La Spezia, un elemento fondamentale della vita cittadina.

115 anni di storia sono abbastanza per poter fare un quadro perfetto, mettendo al centro il sociale, l’evoluzione di un popolo e anche la crescita di un’intera città. Che non è una zona marittima, quanto una realtà viva e brillante dove poter impiantare delle solide basi. Il calcio ha dimostrato che la pazienza è la virtù dei forti, la promozione di due stagioni fa è stata la metafora di un sogno collettivo inseguito da moltissimo tempo.

La fondazione di un club storico

Gyasi post gol - Getty Images
La salvezza rimane l’obiettivo massimo al momento – Getty Images

Si chiamava Sport Club Spezia all’origine, quel 10 ottobre 1906 quando tutto ebbe inizio. La fondazione è da attribuire a due appassionati, lo svizzero Willy Hurny e l’ingegnere milanese Riboni, che avevano visto lo sport del calcio in Inghilterra e in Lombardia, riuscendo a formare una prima squadra in città.

Le prime partite furono un misto di amatorialità e prima ricerca anche delle regole, proprio perché era una novità mai vista all’epoca. Ci volle un po’ per far appassionare gli spezzini, ma i risultati furono poi importanti. Tanto che si avvicinò a questa squadra anche Alberto Picco, un calciatore che rimase nel cuore di tutti e a cui oggi è dedicato lo stadio comunale.

Lo Spezia visse i suoi campionati regionali ed entrò nella storia tardivamente con il titolo conquistato dai Vigili del Fuoco. Lo vinsero in un’epoca di guerra, ufficialmente non è uno scudetto ma nemmeno un titolo di poco conto. Anzi, ha maggior valore proprio perché vissuto in un periodo non certo facile, sulle maglie il ricordo con una patch dedicata è meritatissimo.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Che pericolo per la nazionale tedesca

Tornando più ai giorni nostri, sicuramente la crescita negli anni passati è stata evidente. Culminata con la promozione in Serie A dopo tanti anni di playoff, una salvezza conquistata la scorsa stagione e la voglia ancora di mantenere la massima serie con sudore e sacrificio. Buon compleanno Spezia!