West Ham che fa… saluta Antonio? Il bomber è al top

Michail Antonio del West Ham è esploso tardi, ma sta già attirando l’attenzione di molti top club. L’attitudine al gol potrebbe ben presto far emergere un nuovo personaggio.

Antonio del West Ham - Getty Images
Già cinque gol in Premier per Michail Antonio del West Ham – Getty Images

A volte l’esperienza aiuta. Ci sono attaccanti che sbocciano giovanissimi e poi non segnano nemmeno con le mani, e altri ancora che hanno bisogno di un rodaggio ulteriore. In quest’ultimo caso, quando emergono poi esce fuori tutta la fragranza dei gol, uno scoppio di emozioni da vivere intensamente. In Italia abbiamo avuto il caso di Dario Hubner, che da trentenne prese la scena in Serie A nonostante la sua presenza in club di seconda se non terza fascia.

In Inghilterra, invece, il caso di Michail Antonio è quello più evidente. Il cannoniere del West Ham, di origine giamaicane ma naturalizzato inglese, è ormai pronto e maturo anche per una grande squadra. I suoi gol e le sue prestazioni sono monitorati con attenzione, in Inghilterra non si fanno problemi a trovare il denaro necessario per un bomber. Era stato nei pensieri del Tottenham, in caso di addio di Harry Kane. Avrebbero incassato qualcosa come 150 milioni di euro, almeno metà sarebbero stati investiti con fiducia su un attaccante che in Premier League sta regalando meraviglie.

Il gol che viene dal caldo

Antonio n Europa League - Getty Images
Goleador anche in Coppa, non manca l’impegno – Getty Images

In effetti la Giamaica non è una terra di grandissimi cannonieri. Al Milan e soprattutto ai tifosi verranno in mente le prestazioni di Luther Blissett, più bravo ad abbattere i pali delle porte e a sbagliare gol a porta vuota. Quel numero 9 divenne anche il nome di un movimento collettivo, mentre Antonio al West Ham è solo garanzia di qualità sottoporta. È una specie di incubo dei portieri, non a caso nelle prime quattro giornate ha segnato quattro gol senza esser nemmeno visto o quasi. Sembra sparire o quasi dal campo, per poi materializzarsi nell’area piccola e colpire con decisione.

Ha raggiunto anche il record di gol nel West Ham, superando Paolo Di Canio. L’ex attaccante italiano ha salutato favorevolmente questo cambio di guardia, in fondo più di cinquanta reti in Premier League non si realizzano per caso.

Così come in Europa League, Antonio sta portando il suo contributo. Sbloccando anche il West Ham, dal 1999 infatti la squadra non segnava in una competizione europea. Ci ha pensato il suo bomber a levare la polvere con un gol dei suoi, approfittando di una difesa dello Zagabria praticamente in vacanza.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> La top 11 della Premier League

Il resto si vedrà. A gennaio arriveranno offerte per il quasi 32enne, che potrebbe avere una grande occasione per un posto al sole. Che sarebbe meritatissimo per quanto fatto vedere sinora in Inghilterra, ma anche con la maglia della Giamaica potrà levarsi qualche soddisfazione.