Comnebol show, qualificazione sudamericana nel vivo

Le gare di qualificazione sudamericana sono già esami importanti per quanti vogliono riportare il mondiale al caldo. Il quadro dei prossimi giorni darà maggiori indicazioni.

Brasile - Colombia - Getty Images
La qualificazione sudamericana quasi in caldo per il Brasile di Neymar e Gabigol – Getty Images

Una qualificazione sudamericana tutta da vivere. Nelle prossime ore andranno in campo le squadre del Sudamerica nell’ormai consueta formula per stabilire quante andranno al mondiale.

Un campionato lungo e massacrante in alcuni casi, dove spesso la sorpresa è dietro l’angolo. Brasile e Argentina – in alcuni casi – si qualificarono proprio all’ultimo minuto, confermandosi poi al mondiale come squadre tutt’altro che pronte.

La qualificazione da sudare, da vivere gara dopo gare. Non c’è Copa America che tenga, questo meccanismo può mettere davvero in difficoltà tutte le compagini. Brasile e Argentina, in questo caso, hanno una qualificazione praticamente in mano con i primi due posti conquistati, la missione sudamericana per loro è quasi fatta.

Il big match è proprio quello del Brasile, che ospiterà la Colombia. All’andata finì 0-0 e sarà una gara importante per i cafeteros, che andranno in trasferta a cercare un risultato di peso e di prestigio. Passare nelle prime quattro squadre eviterebbe il massacro dello spareggio con la qualificata dell’altra zona geografica di riferimento, e darebbe gran slancio a un team emergente. Atteso comunque dal compiere prestazioni importanti, perché Cuadrado, Muriel, Zapata e James Rodriguez in nazionale hanno combinato pochino sostanzialmente. Venerdì 11, alle ore 01.30 italiane, ci sarà spettacolo.

Conmenbol da vivere

Uruguay Argentina - Getty Images
Sarà acceso il match di ritorno tra Argentina e Uruguay – Getty Images

L’Argentina invece sarà in trasferta – sabato alle 24 ora italiana – nella gara di qualificazione sudamericana sul campo dell’Uruguay. In questo caso, una gara quasi tra precari, dipenderà da quanti saranno più freschi dopo le avventure europee. Con qualche mugugno dei club nemmeno tanto nascosto, perché i calciatori ritorneranno in Europa praticamente stremati. Tipicità delle due nazionali è la massiccia convocazione extra sudamericana, senza pescare – più di tanto – nei loro campionati di appartenenza.

Discorso che vale sino a un certo punto per le altre nazionali impegnate. Il Paraguay va a giocarsi residue chance di qualificazione affrontando in casa il Cile, un’altra delle grandi delusioni di questi ultimi periodi. Una vittoria di Copa America in casa non giustifica il solito andamento indolente e senza grinta, tipica degli ultimi anni. Con i più tanti acciaccati e ancora altri musi lunghi dall’Europa. Il Paraguay, invece, vuole tornare al mondiale e punta ai tre punti per provare a rimontare le avversarie, impresa quasi proibitiva.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Massimo Ferraro e lo strano viaggio a Dubai

Ben diversa la situazione tra Ecuador e Venezuela. L’Ecuador è sempre in alto, è la nazionale che – al contrario delle altre – ha meno talento ma un grande cuore, l’ostacolo amarillo non sarà difficile. Il Perù invece ospiterà la Bolivia, una partita ad altra quota dove potrebbe esserci molto equilibrio in campo, tra selezioni che non badano tanto per il sottile in campo.