Un Grosso compleanno: Fabio resta sempre un eroe

Il compleanno di Fabio Grosso è l’occasione per il popolo italiano – ancora una volta – di ringraziare l’eroe del mondiale 2006. Con una nuova vita professionale ancora da migliorare.

Grosso esulta - foto LaPresse
Buon compleanno a Fabio Grosso, eroe del mondiale 2006 – foto LaPresse

Un compleanno sempre tinto d’azzurro. Perché il destino e la carriera di Fabio Grosso trovò il suo boom nel mondiale del 2006 e tutti gli italiani di questo ne sono stati entusiasti. Fu una stella cometa, una via lattea di spettacolo, agonismo e se vogliamo anche fortuna, l’uomo di provincia che si alzò al cielo dimostrando come gli italiani hanno sempre una marcia in più.

Parlare di Fabio Grosso, inevitabilmente, porta sempre a parlare del mondiale tedesco. Ci arrivò in sordina, entrò pienamente nell’undici titolare dal match contro la Repubblica Ceca e non lasciò più la fascia sinistra. Conquistando un rigore con arguzia contro l’Australia, chiudendo per bene i varchi contro l’Ucraina e diventando un pezzo di storia vivente nel match contro la Germania. Quel gol nel secondo tempo supplementare visto e rivisto, in slow motion come se fosse la miglior sequenza possibile da girare. E infine quel rigore contro la Francia, l’ultimo … quello decisivo. Lo sguardo sicuro, il sinistro che gonfia la rete di Fabien Barthez. Campioni del mondo, giusto così.

La libertà dell’ala sinistra

Esulta Grosso - foto LaPresse
Esultanza storica dopo il gol ai padroni di casa della Germania – foto LaPresse

Quella di Fabio Grosso, ricordata anche oggi nel giorno del suo compleanno (compie 44 anni), è un’avventura partita dalla Serie C. Quando giocava da trequartista nel Chieti e arrivò nell’estate del 2001 al Perugia di Serse Cosmi. Che lo spostò – per esigenza e per curiosità – dal centro alla zona sinistra del campo, in una posizione più offensiva nei cinque di centrocampo. Pian pianino divenne un esterno laterale a tutta fascia, soprattutto migliorando nel posizionamento difensivo.

Le lunghe leve, però, erano sempre ben in vista, nella squadra umbra tanti i gol decisivi realizzati, un po’ su tutti i campi e senza timori. Andò poi a Palermo, sposò il progetto ambizioso di Maurizio Zamparini e fu convocato al mondiale insieme a Cristian Zaccardo, Andrea Barzagli e Simone Barone: quattro rosanero andarono sul tetto del mondo.

Esperienze poi con l’Inter, il Lione e la Juventus per chiudere la carriera nella prima squadra scudettata di Antonio Conte.

Il percorso da tecnico è partito proprio dalla primavera bianconera, poteva subito andare a Crotone ma scelse Bari, poi il Verona, ma in Serie B non andò benissimo nelle due piazze ambiziose. E nemmeno a Brescia ci fu gloria, nonostante l’esclusione di Mario Balotelli dalla rosa.

POTREBBE ANCHE INTERESSARTI >>> Nazionale, non tutto è perduto

Poi il Sion e infine il Frosinone con il quale sembra aver trovato una dimensione in panchina più consona. Il compleanno odierno conferma un dato di fatto: l’affetto del pubblico italiano rimane sempre immutato.