Maldini show durante la sosta: affondo per quattro colpi

Paolo Maldini non si ferma mai, anche quando a farlo è il campionato. Il direttore dell’area tecnica rossonera sta lavorando senza sosta al Milan del futuro. I prossimi saranno giorni decisivi per dare l’affondo a quattro colpi.

Essere in testa alla classifica non consente, di certo, di adagiarsi sugli allori. Un assunto che Paolo Maldini ha fatto proprio. Il direttore dell’area tecnica sta dedicando diverse energie al suo Milan allo stesso modo di come accadeva sul prato di gioco quando vestiva la maglia numero 3 e la fascia da capitano. Nonostante il primato in classifica, Maldini sta lavorando assiduamente per rinforzare la rosa per poter costruire un Milan sempre più competitivo.

Maldini
© LaPresse

Tornare competitivi anche in Europa

Negli ultimi tre anni il Milan ha fatto registrare prestazioni e risultati molto importanti. Il lavoro di Stefano Pioli ha trovato, ben presto, i suoi frutti si sono visti fin da subito. Un sesto ed un secondo posto sono gli esempi lampati di quanto la cura Pioli abbia fatto bene al sodalizio rossonero. Miglioramenti che hanno raggiunto il proprio culmine nel corso di questa stagione. Il Milan ha fatto registrare la miglior partenza in campionato ed ora guida la classifica con 3 punti di vantaggio dal secondo posto. Ad 8 giornate dal termine della stagione è un vantaggio è esiguo, ma la squadra rossonera può vantare su un calendario più favorevole rispetto alle contendenti alla corsa al titolo. L’obiettivo della dirigenza, comunque, resta far tornare il Milan competitivo anche in Europa sulla stregua di quanto fatto vedere in Italia.

Maldini, 4 colpi per un Milan protagonista anche in Champions

Maldini sta lavorando indefessamente per dare a Stefano Pioli la possibilità di poter lavorare su una rosa ampia e forte dal punto di vista qualitativo. Il direttore rossonero, infatti, lavora in primis per attutire le possibili conseguenze dalle uscite di alcuni giocatori a parametro zero quali Romagnoli e Kessiè. Proprio per questo tutti i reparti saranno interessati da operazioni di mercato. Nel corso dei prossimi giorni sarà definito l’affare Botman. Il difensore classe ’98, in forza al Lille, è stato già opzionato dal Milan nel corso della finestra invernale di calciomercato. Approfittando della sosta della Serie A, Paolo Maldini ha allacciato diversi contatti con il Sassuolo. L’obiettivo del dirigente rossonero è arrivare a Scamacca e Berardi, i pezzi forti della “carissima bottega” di Giovanni Carnevali. L’addio di Kessiè, prossimo a vestire la maglia blaugrana del Barcellona. apre le porte del centrocampo al centrocampista portoghese Renato Sanches. Quattro colpi di assoluta importanza che potrebbero essere utili al Milan per tornare protagonista anche in Champions League.