Gattuso, futuro in panchina già scritto: una big lo aspetta

Gennaro Gattuso è pronto a ripartire. Dopo la deludente esperienza a Firenze, durata solamente un mese, il manager calabrese dalla prossima stagione è pronto ad iniziare una nuova ed entusiasmante avventura nella big

Il classe ’78 non vede l’ora di ritornare in panchina. Dopo l’esperienza durata un mese e che si è conclusa nel peggiore dei modi con la Fiorentina di Rocco Commisso, l’ex calciatore del Milan è pronto a rimettersi in gioco. Alla fine di questa stagione si accomoderà, molto probabilmente, in una panchina molto ambita e che potrebbe puntare seriamente su di lui.

Gennaro Gattuso © Lapresse

Gattuso, si riparte: la big lo attende

Un anno sabatico, anche se in realtà non sarebbe dovuta proprio andare così visto che dopo l’esperienza al Napoli aveva trovato un accordo importante con la Fiorentina. Firma, presentazione e poi…il divorzio. Il tutto per “colpa” del suo procuratore che, a quanto pare, avrebbe forzato e pressato la società viola nell’acquistare uno dei calciatori della sua scuderia. Questo è quello che arriva da Firenze, ma alla fine l’unica cosa certa è sicura è che c’è stato l’addio da entrambe le parti. Tanto è vero che i gigliati hanno puntato immediatamente su Vincenzo Italiano che bene sta facendo con la sua squadra. Per Gattuso un altro anno per imparare e cercare di “rubare” il mestiere da chi è più esperto in questo campo. Questa esperienza che può mettere a disposizione, molto presto, nella big che avrà la panchina vuota la prossima stagione. Ed è per questo motivo che il calabrese è pronto per firmare ed iniziare questo nuovo progetto che lo entusiasma.

Gattuso ad un bivio: Inghilterra o ancora Italia?

Gennaro Gattuso ©Lapresse

Come riportato in precedenza Gattuso è pronto a ripartire. A quanto pare il mister ha due possibilità: quella di volare all’estero oppure continuare a rimanere in Italia. Per quanto riguarda l’Europa non si tratterebbe della prima volta, anche se lo ha fatto come calciatore quando ha vestito la maglia dei Rangers di Glasgow (Scozia) e quella del Sion (Svizzera). In realtà tuona nuovamente l’idea che porta alla Premier League.

Non al Tottenham dove gli stessi sostenitori ancora ricordano il brutto screzio di qualche anno fa (anche perché oramai si coccolano l’altro italiano Antonio Conte). C’è l’ipotesi Leicester City pronta ad andare oltre Rodgers. In Serie A, invece, spunta l’idea Atalanta nel caso in cui non dovesse arrivare la conferma di Gian Piero Gasperini.