Mondiali 2026, subito una brutta notizia: Italia di nuovo a rischio

Mondiali 2026, non sono nemmeno iniziate le qualificazioni e soprattutto la delusione per non esserci qualificato a quello che sta per iniziare, che per l’Italia arrivano già delle brutte notizie: il commissario tecnico Mancini già trema

In realtà non abbiamo per nulla superato il fatto che per la seconda volta consecutiva la nostra Nazionale non si qualificherà alla prossima edizione della Coppa del Mondo, adesso bisogna pensare che gli azzurri devono già preoccuparsi in vista della competizione che si disputerà tra quattro anni. Il commissario tecnico Roberto Mancini ed i suo calciatori già tremano al pensiero, il motivo è molto semplice da individuare

Roberto Mancini © LaPresse

Italia, Mondiali 2026: è già “ansia”

La voglia di ripartire sicuramente c’è. Questo è fuori discussione, ma facciamo davvero fatica a credere al fatto che pochi giorni fa si sono verificati i sorteggi dei gironi a Doha del prossimo mondiale ed il nome del nostro paese non c’era. Per la seconda volta consecutiva. Mai accaduto nella nostra storia calcistica. Una delusione soprattutto per la nuova generazione che potrebbe vedere, se tutto va bene, i prossimi mondiali con gli azzurri protagonisti nel 2026. Ovvero dodici anni dopo l’ultima volta. In quella spedizione in Brasile, però, le cose andarono peggio visto che fummo eliminati ai gironi da Ungheria e addirittura Costa Rica. Adesso l’obiettivo è chiaro: prima la qualificazione agli Europei del 2024 che si terranno in Germania, ma soprattutto al Mondiale del 2026 che si disputerà in ben tre paesi: Canada, Messico e Stati Uniti D’America. L’Italia vuole esserci. In realtà non si tratte di una voglia, ma di un “obbligo” a questo punto visto che è davvero inaccettabile che una nazionale, che pochi mesi prima aveva vinto il campionato europeo, perda in casa contro la Macedonia del Nord (che tra l’altro, come era prevedibile, ha perso la finale contro il Portogallo). Adesso, però, sono in arrivo le prime preoccupazioni per Mancini e company.

Italia, c’è preoccupazione: primo rischio per gli azzurri

Roberto Mancini
Roberto Mancini © LaPresse

Automaticamente l’eliminazione contro la Macedonia di Elmas e di Trajkovski (che con noi pare che abbia un vero e proprio conto in sospeso) ha causato non pochi problemi. Quali? La perdita di posizioni in classifica per quanto riguarda il ranking FIFA. Questo cosa vuol dire? Che la possibilità di un rischio che cada in seconda fascia è molto alto.

La soluzione qual è? Vincere tutte le partite, ma davvero tutte. Non più pareggi e soprattutto sconfitte con squadre che sulla carta siamo (e dobbiamo) capaci di battere. A partire dal prossimo impegno. Dalla prossima amichevole. Come se fossero tutte finali.