Come Vlahovic, un altro viola tradisce: passaggio alla Juventus

La Juventus ci ha preso gusto: un altro viola potrebbe arrivare a Torino e Allegri lo ha chiesto espressamente al club. I tifosi mugugnano, la trattativa è già ben avviata. 

Sarà un’altra estate caldissima sulla tratta che porta da Firenze a Torino. Neanche il tempo di smaltire la rabbia e la delusione per l’addio di Vlahovic, uscito dai radar viola per approdare alla rivale storica, ed ecco che un’altra trattativa potrebbe scuotere il pubblico della Fiorentina, che trema in vista di un altro addio eccellente.

Juventus Vlahovic
Dusan Vlahovic con la maglia della Juventus – Foto LaPresse

Il mercato non guarda in faccia alla storia e alla fede, e in più occasioni ha raccontato affari ai quali in pochi credevano, e che in un attimo hanno gettato nello sconforto alcune tifoserie per far esplodere la gioia dei rivali. Fu così per Baggio, poi nel caso di Bernardeschi e ancora in occasione del passaggio di Chiesa. Nessuno credeva a quegli accordi molto chiacchierati, poi divenuti realtà.

A gennaio è toccato a Vlahovic, fra minacce, una bufera mediatica e l’accoglienza dei tifosi bianconeri, giunti davanti al J Medical per abbracciare l’ennesimo beniamino in arrivo dalla Fiorentina. Storia finita? Tutt’altro, perché la trafficatissima tratta che dalla Toscana porta in Piemonte potrebbe essere percorsa da un altro calciatore, con tutto ciò che ne consegue in termini di caos mediatico, rimpianti e rabbia.

La Juve è pronta, spinta da Max Allegri, grande estimatore del calciatore. La Fiorentina vorrebbe evitare l’ennesimo caos, ma riflette su una situazione contrattuale simile a quella di Vlahovic e sa bene che non sarà affatto semplice trattenere il calciatore.

Juve, l’obiettivo è chiaro: arriverà dai viola

Allegri e Vlahovic
Allegri dopo Vlahovic è pronto ad abbracciare un altro calciatore della Fiorentina – LaPresse

Almeno un rinforzo per reparto. L’obiettivo della Juventus è chiaro ma il budget già in parte speso per arrivare a Vlahovic. Ecco perché la missione del club sarà concentrare una cifra importante sul centrocampista cercando nelle altre zone del campo elementi validi a prezzi contenuti. L’obiettivo principale per l’attacco è Raspadori, a centrocampo partirà l’assalto a Milinkovic Savic, mentre in difesa l’obiettivo è un centrale e almeno un esterno.

La difesa dicevamo. E’ proprio nel pacchetto arretrato che saranno avviate riflessioni importanti. Chiellini non potrà garantire molte presenze, Bonucci è affidabilissimo ma ha bisogno di rifiatare, e Rugani paga ancora quei blackout che non gli permettono di affermarsi con continuità nonostante le qualità. Ecco quindi che a Torino potrebbe partire la svolta in chiave serba.

Oltre a Vlahovic, e al tentativo convintissimo per arrivare a Milinkovic Savic, i bianconeri potrebbero tentare l’affondo decisivo a Milenkovic. La pratica è già da tempo sulla scrivania di Agnelli, e l’ha compilata Max Allegri, grande estimatore del centrale. I tempi però sembrano maturi, per un paio di motivi chiarissimi. Il primo è la concorrenza in calo da parte del Milan, ormai ad un passo dal chiudere con Botman. Il secondo è relativo ad una valutazione in ribasso in considerazione di un contratto che andrà in scadenza nel 2023.

La richiesta di 50 milioni fatta dalla Fiorentina in passato è ormai un lontano ricordo, e il cartellino del potente centrale vale ora intorno alla metà. I bianconeri potrebbero tentare di inserire il cartellino di Rugani o provare ad abbassare ulteriormente la cifra richiesta, forti della volontà del calciatore e di un rinnovo che non arriva. Un po’ come accaduto con Vlahovic, o se vogliamo in una storia di trattative alle quali nessuno credeva, e che poi sono diventare realtà. Quella con Milenkovic potrebbe essere l’ennesimo scippo, e a Torino c’è chi giura che i contatti con l’entourage sono già ben avviati.