Il gol e l’addio: Bernardeschi saluta e tradisce, passaggio alla rivale a zero

Bernardeschi ha aperto le danze nella semifinale di Coppa Italia contro la Fiorentina ma è pronto a salutare la Juve: due proposte, una potrebbe essere quella giusta.

Una rete di gran classe, in cui ha mostrato il talento, la qualità e quei mezzi che spinsero la Juve a bussare in casa della Fiorentina. La trattativa fra i bianconeri e i viola fu molto chiacchierata.

Bernardeschi
Federico Bernardeschi (LaPresse)

Poi il passaggio in bianconero, quel famoso striscione in cui i tifosi affermavano che “la 10 aveva trovato un nuovo padrone”, chiedendo al club di affidare al calciatore una maglia iconica, indossata da chi ha fatto negli anni la stoia della Signora a ritmo di premi e successi.

Quell’avventura però non è stata mai del tutto convincente. Bernardeschi fra alti e bassi, grandi giocate e lunghi periodi di stop e molti ruoli cambiati, non è mai riuscito a ritagliarsi uno spazio nel cuore dei tifosi. Ora che è il momento di rinnovare, la strada per lui sembra sbarrata. Le richieste non convincono il club, e il caso Dybala è un chiaro messaggio.

Ecco perché l’asta è partita e alla Continassa non sembrano intimoriti dalla possibilità di perdere il calciatore a zero. Le offerte non gli mancano, due su tutte, e l’esterno sarebbe pronto ad accettare firmando di fatto un passaggio clamoroso alla rivale.

Bernardeschi, due offerte per cambiare aria: i contatti si intensificano

Bernardeschi
Federico Bernardeschi pronto a lasciare la Juve (LaPresse)

Un gol che non cambierà la storia di Bernardeschi alla Juve. Il rapporto è destinato a chiudersi, nonostante l’esultanza, l’abbraccio del pubblico e la sensazione che il calciatore possa ancora essere importante e centrale nel progetto del club. Fra infortuni e lunghe pause, la sua esperienza a Torino sembra però destinata a chiudersi. 

Niente rinnovo e largo alle pretendenti, che si sono già fatte avanti. C’è il Napoli sul 28enne nato a Carrara, e l’esperienza partenopea non dispiacerebbe al calciatore. L’intenzione è di restare in Serie A, e in tal senso la proposta potrebbe trasformarsi in realtà. Non solo Spalletti però, perché Bernardeschi ha un altro grande estimatore.

Si tratta di Pioli, a caccia di qualità sulla corsia destra d’attacco. Il primo nome che verrà valutato è quello di Berardi, più incline al gol. Se la trattativa con il Sassuolo, cliente di mercato scomodo, dovesse naufragare, sarà fatto un tentativo con lo staff del calcatore. 

La possibilità di prelevarlo a zero stuzzica Maldini, e da Milano non arrivano conferme ma neanche smentite su una pista che potrebbe a breve accendersi. Un dato solo è ormai certo. La Juve saluterà il calciatore senza grandi rimpianti. Il resto sarà un passaggio ad una rivale in Serie A, dopo un’avventura che non ha mai mantenuto le aspettative.