Milan, Pioli crede in lui ma sarà cessione in prestito: occasione d’oro in A

Il tecnico del Milan, Stefano Pioli, non ha mai avuto alcun dubbio in merito alle sue capacità e qualità: il calciatore però, almeno per il momento, non ha dimostrato di essere un calciatore fondamentale nel suo scacchiere di gioco

Tanto è vero che l’ipotesi che porta ad una cessione si sta trasformando sempre in un qualcosa di decisamente concreto. Solamente in prestito secco, però, visto che proprio il romagnolo è intenzionato a lavorarci sopra a partire dalla prossima stagione. Tanto è vero che per l’atleta si sono aperte ben due possibilità nella nostra Serie A. Adesso sta solamente a lui scegliere in quale direzione andare. Anche se deve sbrigarsi visto che mancano davvero pochi giorni alla chiusura della sessione estiva.

Stefano Pioli © LaPresse

Milan, non c’è spazio per il calciatore: addio ipotesi concreta

I rossoneri si avvicinano, sempre di più, all’esordio in campionato datato sabato 13 agosto. Allo stadio ‘San Siro’ arriverà la nuova Udinese targata Andrea Sottil. Il ‘Diavolo’ vuole riprendere da dove ha finito: ovvero continuare a vincere. Sarà molto difficile visto che, alcune delle rivali, si sono rinforzate ed hanno intenzione di dire la loro in questo campionato che si preannuncia a dir poco entusiasmante. Nel frattempo, però, c’è sempre la dirigenza che continua a lavorare sul mercato. Sia per quanto riguarda l’entrate che per quello in uscita. Soprattutto in quest’ultima opzione dove si vocifera, da via Aldo Rossi, la possibile partenza di un calciatore che non ha convinto appieno il tecnico Pioli quanto è stato chiamato in causa. Non solo nella scorsa stagione, ma anche nelle amichevoli estive che il ‘Diavolo’ ha disputato fino ad ora. La voglia di continuare il rapporto lavorativo in futuro c’è eccome: la strada del prestito secco è quella che piace di più a tutte le parti.

Milan, per Lazetic sarà ancora Serie A: poi il ritorno con i rossoneri

Non è stata una stagione praticamente fortunata per Marko Lazetic che, per via dei suoi problemi fisici, non ha potuto dare il suo contributo alla vittoria dello scudetto che comunque si sente suo visto che si è integrato alla grande nel gruppo. Non con Pioli che non lo ritiene ancora adatto per il suo sistema di gioco. Ed è per questo motivo che si aprono due possibilità nella massima serie: quella che porta a due neopromosse, ovvero il Lecce e la Cremonese che gli garantirebbero un ruolo da protagonista in questo campionato che è alle porte.