Chiellini, altro infortunio: è la fine della sua carriera?

chiellini infortunio
Giorgio Chiellini difensore Juventus (Getty Images)

Ennesimo infortunio per Giorgio Chiellini, nella sfida di Champions col Porto. Il difensore sembra ormai logoro. Tutti gli stop negli ultimi anni

La Champions League e le grandi sfide europee sono tornate; spettacolo e risultati a sorpresa non sono mancati nella prima settimana. Così è stato in Portogallo, dove il Porto ha battuto, nell’andata degli ottavi, la Juventus per 2-1. A far parlare, oltre la brutta prestazione dei bianconeri, e alle polemiche per un rigore, è l’ennesimo infortunio di Giorgio Chiellini.

Il difensore della Juventus, al 35′ del primo tempo, ha infatti chiesto il cambio alla panchina, sostituito da Demiral. Chiellini, dopo la rottura del legamento crociato, all’inizio della stagione 19/20, ha inanellato una lunga serie di infortuni.

Gli stop stanno diventando frequenti, per una situazione che incide anche sulle prestazioni della Juventus. Infatti, con Chiellini in campo, la squadra di Pirlo, aveva trovato una maggiore solidità difensiva, almeno prima di Napoli e Porto.

Leggi anche >>> Juventus, tifosi contro Pirlo: va “esonerato”

Leggi anche >>> Juentus, è allarme: il dato preoccupante

Tutti gli stop di Chiellini

Come già detto, l’infortunio al legamento crociato, ha creato danni a tutti i livelli per Chiellini. Ko che si ripetono dopo solo alcune partite giocate, o semplicemente in allenamento, il che fa storcere il naso a parecchi tifosi.

Il malcontento per le sue condizioni fisiche, quelle di un infortunato perenne, aumenta sempre più. Soprattutto, in questa stagione, il difensore bianconero e della nazionale, ha giocato appena 8 partite di Serie A; una situazione che ha indotto i tifosi a pensare come la sua carriera sia ormai agli sgoccioli.

Pirlo, adesso, dovrà prendere provvedimenti sul campo per sostituire Chiellini, più gli altri infortunati della sua squadra, tra i quali Bonucci e Cuadrado. Il tecnico dovrà anche ritrovare la solidità difensiva, cosa che senza i suoi totem, pare complicata.

Sta alla società, invece, iniziare a pensare ad un Giorgio Chiellini fuori dal campo, magari come parte dello staff tecnico, o della dirigenza juventina, come il fratello Claudio.