Mauro Bellugi, addio all’ex Inter, Bologna e Napoli: calcio in lutto

calciopolis
CalcioPolis.it

Mauro Bellugi è morto questa mattina: lutto nel mondo del calcio per la scomparsa dell’ex calciatore. 

Lutto nel mondo del calcio. Prima del derby tra Milan ed Inter, scompare Mauro Bellugi ex difensore nerazzurro degli anni ’70. Da sempre ha sofferto di anemia mediterranea e lo scorso novembre è stato colpito dal Covid ed ha subito un intervento per amputare le gambe a causa di ischemie ai vasi capillari degli arti inferiori. La sua malattia e il virus hanno peggiorato le sue condizioni fisiche.

Nella sua carriera ha indossato le maglie di Inter, Bologna, Napoli e Pistoiese. Con il club milanese è riuscito a conquistare lo scudetto nella stagione 1970-71. Con la Nazionale Italiana prese parte ai Mondiali del 74′ (senza scendere in campo) e a quelli del 78′, giocando da protagonista. Fu chiamato anche per gli Europei del 1980, ma anche in questa occasione non giocò neanche un minuto.

Mauro si è spento quest’oggi all’età di 71 anni, compiuti appena qualche settimana fa.

Leggi anche >>> Donnarumma frantuma record: in Milan-Inter il grande traguardo

Mauro Bellugi, quel saluto di Rumenigge

Recentemente, Mauro era stato ospite del programma Tiki Taka per raccontare la terribile esperienza dell’amputazione. In quell’occasione aveva dichiarato ironicamente: “Volevo denunciare il medico, con quella gamba ho segnato al Borussia Monchengladbach“. La sua unica rete con la maglia dell’Inter la fece infatti proprio in Coppa dei Campioni.

E in quella puntata, il suo ex compagno di squadra Karl-Heinz Rummenigge era intervenuto in videochiamata per salutare Mauro: “Sono commosso dal tuo coraggio – disse il dirigente del Bayern Monaco – Per un calciatore le gambe sono tutto e tu l’hai presa in modo positivo. Ti auguro tante belle cose“.

Il mondo del calcio saluta Bellugi, ricordandolo come un uomo ironico e positivo nell’animo. Capace di affrontare situazioni difficili – come il dramma del Coronavirus – sempre con il sorriso e determinazione. Mauro era ancora in ospedale, secondo quanto riporta la Gazzetta dello Sport, dove era rimasto per cominciare la riabilitazione post-operatoria.