La stagione anomala non fa sconti: la caduta delle big

bayern
Bayern Monaco

La stagione calcistica condizionata dal Covid continua a colpire: risultati a sorpresa, le big cadono. I casi Atletico e Bayern

La stagione anomala che stiamo vivendo è condizionata pesantemente dalle positività al Covid dei giocatori e anche da molti più infortuni muscolari. Ogni gara non è certo scontata ed i risultati a sorpresa sono dietro l’angolo. A farne le spese sono tutti, nello scorso weekend è toccato a Atletico, Bayern e PSG.

L’Atletico si è fermato per due partite di fila, avversario il Levante in entrambe le occasioni. Il Bayern Monaco, è reduce dal pareggio spettacolare contro l’Arminia Bielefeld, e la sconfitta con l’Eintracht, mentre il PSG dopo la vittoria in Champions, è caduto in casa col Monaco.

Le ragioni degli stop di queste tre squadre sono diverse, ma il motivo del calendario congestionato di questa stagione è quello principale, oltre ovviamente al Covid, che ha falcidiato il Bayern Monaco.

Leggi anche >>> Lazio-Bayern: sfida Immobile Lewandowsky

Leggi anche >>> Napoli, rabbia di ADL: ma è solo colpa di Gattuso?

Lo stop dell’Atletico Madrid

delusione atletico
Atletico Madrid

Nella doppia sfida contro il Levante, l’Atletico di Simeone avrebbe certamente meritato la vittoria, almeno nella gara di sabato. I colchoneros hanno infatti dominato, e le due reti incassate frutto di episodi.

Adesso, con la vittoria del Real, l’Atletico ha soli tre punti di vantaggio sui rivali, ma con una partita ancora da recuperare. E stasera sarà impegnata contro il Chelsea di Tuchel, in uno scontro di Champions molto equilibrato.

Ai due stop contro il Levante, si aggiunge il terzo, precedente, contro il Celta Vigo; per gli uomini di Simeone non è un momento felice e gli ottavi di Champions possono essere l’occasione per riprendere a marciare, o per affossarsi completamente.

I problemi in casa Bayern

Il Bayern Monaco, dopo la vittoria del Mondiale per Club, nel ritorno in Europa e in Germania, non ha ancora vinto. Pareggio spettacolare sotto la neve contro l’Arminia Bielefeld, mentre sconfitta contro l’Eintrach Francoforte nell’ultima giornata.

La squadra di Flick è falcidiata dalle assenze per Covid-19, con la situazione che fa temere l’insorgere di un cluster all’interno del gruppo squadra. Al momento, solo Goretzka è stato recuperato, e quindi la lista degli assenti è molto lunga.

La prossima partita, per i campioni d’Europa in carica, è contro la Lazio di Inzaghi negli ottavi di Champions. La Lazio arriva in piena forma, con un’ottima striscia di partite, “sporcata” solo dalla sconfitta di San Siro contro l’Inter.

Il Bayern, dal canto suo, sperando di recuperare qualche elemento senza perderne altri; ha la squadra più forte, con il super Lewandowski a farla da padrone in attacco in questa stagione,. Sottovalutare i bavaresi, seppur in un momento di difficoltà, sarebbe un azzardo imperdonabile.

PSG tra vittorie e sconfitte

La squadra francese, dopo la roboante vittoria al Camp Nou contro il Barcellona per 4-1, nell’andata degli ottavi di Champions, ha perso la grande sfida contro il Monaco, in casa per 2-0.

Certamente, rispetto ad Atletico e Bayern, l’impegno del PSG era più difficile, avendo di fronte una candidata per il titolo. Però, la squadra di Pochettino non riesce proprio a mettere in fila un bella striscia di vittorie in campionato, infatti dopo questa sconfitta la striscia si è fermata a 3.

Addirittura, nonostante il super attacco, il PSG non ha fatto nessun tiro in porta nel primo tempo; micidiale in apertura dei due tempi il Monaco con entrambi i gol arrivati dopo pochi minuti di avvio.

Con molta probabilità, il PSG pensava ancora alla gloria del Camp Nou, ai 4 gol rifilati al Barca di Messi. Già ai tempi in cui guidava il Tottenham, Pochettino ha sempre preferito la coppa, rispetto al campionato, così come dimostra la finale raggiunta nel 2019, e il quarto posto dello stesso anno in Premier, raggiunto solo nel finale.

I problemi di questa stagione anomala, sono gli stessi per tutti, e colpiscono sia le piccole, che le big. Il Covid e gli infortuni muscolari dovuti alle troppe partite che si giocano ogni tre giorni minano le solite certezze, portando a risultati spesso particolari che si spiegano solo all’interno di questa anomalia.